Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
Brennos2

SI Dracma siracusana : stella o polipo ?

Risposte migliori

Brennos2

Salve a tutti

ca dracma Siracusana è descritto :

testa di Atena a sinistra con elmo corinzio

stella marina fra due delfini

post-35943-0-35630000-1411725274_thumb.j

Mi chiedo se il simbolo non è un polipo stilizzato invece di una stella marina

1) la maggior parte dei tipi di siracusa rappresentano polpo

post-35943-0-04671200-1411725396_thumb.j

post-35943-0-59814100-1411725415_thumb.j

post-35943-0-27928200-1411725430_thumb.j

2) le stelle marine comuni hanno cinque non otto braccia

post-35943-0-98391400-1411725611_thumb.j

post-35943-0-57598600-1411725444_thumb.j

cosa ne pensi?

Modificato da Brennos2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

acraf

La stessa domanda di Brennos2 fu posta anche in una vecchia discussione, dove si adombrava la possibilità che potesse essere un polipo visto da diversa prospettiva:

http://www.lamoneta.it/topic/41871-stella-marina/?hl=%2Bstella+%2Bmarina

In effetti mi sembra che la vecchia identificazione con la stella marina non abbia stretti collegamenti morfologici. Soprattutto la presenza della sottile mebrana fra le punte non sembra ritrovarsi un una specie di stella marina vivente nei mari della Sicilia,

Il polipo disteso, visto ventralmente e non di profilo, potrebbe dare una immagine più compatibile e anche logica, vista la diffusione del tipo polipo nella monetazione siracusana.

Sarebbe utile rintracciare una prospettiva del polipo che nuoti e fotografato fontalmente dal basso…..

Circa l'identificazione con un astro, resta da spiegare come mai l'incisore non abbia inciso più semplicemente una sorta di asterisco, piuttosto che disegnare quelle membrane….

Una possibile ulteriore ipotesi è che possa essere una medusa, una specie marina molto comune nei mari siciliani….

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Brennos2
oops, scusate non ho visto le altre discussioni.

tuo forum è davvero eccellente :clapping:

grazie per il link

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Silla

Ho visto un documentario che parlava dei Polpi che vivono sui fondali delle isole vulcaniche Siciliane.

In alcune riprese mentre il Polpo è in movimento con i tentacoli aperti ho riscontrato una somiglianza impressionante con le riproduzioni sulle Dracme Siracusane.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Anche per me quello raffigurato nella Dracma tra i due delfini non e' una stella , ma un polpo stilizzato per motivo di spazio disponibile nel modulo , rappresentato con i tentacoli aperti ( non si dice polipo , e' una malattia ) , tipica la membrana che unisce gli otto tentacoli ; inoltre non credo rappresenti una stella marina , questa ha cinque "gambe" , una stella del cielo che unione avrebbe con il soggetto marino dei delfini ? poi rimarrebbe comunque il dubbio della membrana .

Modificato da Legio II Italica
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

acraf

Ho visto un documentario che parlava dei Polpi che vivono sui fondali delle isole vulcaniche Siciliane.

In alcune riprese mentre il Polpo è in movimento con i tentacoli aperti ho riscontrato una somiglianza impressionante con le riproduzioni sulle Dracme Siracusane.

Infatti sarebbe bello riuscire a trovare una inquadratura del polpo che possa assomigliare alla riproduzione sulle dracme siracusane.

Magari c'è qualche forumista che è appassionato fotografo marino ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

lipari

il paragone non regge perche' la prima moneta in foto e' di Siracusa, le altre tre di Paterno'.

ah ah ah ah

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

skubydu

Anche la tipologia Zeus eluterio hexas, assai rara fino a una quindicina di anni fà, nelle varianti con polipo o fulmine, ora è quasi una normalità nelle vendite. Basta valutarle con attenzione, per capire che su qualche pezzo più di un dubbio può sorgere....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cippal
Supporter

Ho seguito con interesse la discussione precedente e concordo con chi sostiene che possa trattarsi di un polpo.

Però non posso fare a meno di riscontrare una certa somiglianza con altre monete coniate in altre città siciliane. Riporto un paio di esempi.

Bronzo di Alaisa:

post-8898-0-52864900-1412008812_thumb.jp

E con uno sforzo di immaginazione tiro in causa una litra di Tauromenion:

post-8898-0-90173800-1412009007_thumb.jp

Mi domando, nella dracma siracusana non potrebbero essere stati rappresentati i raggi di una ruota?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

acraf

Per la dracma dionigiana di Siracusa non c'entra niente la ruota...

Basta confrontare il rovescio della litra dei Kampani con il dettaglio della dracma siracusana per vedere che sono due cose diverse. Per Siracusa manca totalmente il cerchione della ruota….:

post-7204-0-62828100-1412010017_thumb.jp "astro" dei Kampani

post-7204-0-27840000-1412010033_thumb.jp "astro" della dracma siracusana

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

lipari

Tornando ad astro,polipo o stella di mare: ho seguito la precedente discussione e non sono rimasto persuaso da nessuna tesi.

La tesi del polipo presenta vari punti deboli.

La raffigurazione della moneta e' figurativa.Dipinge la realta' cosi come si vede.I delfini sono una figurazione naturalistica. Non si possono introdurre elementi stilizzati, simbolici insieme a quelli naturalistici, non siamo nell'arte cristiana che inserisce elementi figurativi e simboli perche' deve comunicare una filosofia trascendente.Le figurazioni nelle monete greche servono a connotare una identita'o eventualmente una volonta'.

Il polipo visto da sotto con tentacoli allagati e "becco" a vista,non appare mai in natura.Chi ha trascorso tante ore "nei fondali delle isole vulcaniche vicine alla Sicilia" non lo ha mai visto cosi.O e' mimetizzato sul fondale o schizza via raccogliendo in un unico fascio tutti i tentacoli.Dall'arte minoica- dopo i periodi geometrizzanti- a tutta la coroplastica greca mai vi e' una sola raffigurazione del polipo come quella ascritta alla moneta in esame.

La triskeles era immagine e simbolo. Ma era da tutti compresa e serviva a dare identita'.Il polipo? Simbolo e identita' di che? Avrebbe avuto un senso come simbolo se Siracusa fosse stata da tutti identificata come la citta' dalle otto porte o dalle otto torri o dalle otto-qualcosa, ma cosi' non era.

Non e' immagine figurativa e non e' simbolo resto col giudizio in sospeso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Interessante la tua tesi , pero' non sono d'accordo circa la posizione in acqua del polpo , normalmente e' come dici tu , ma quando rare volte nuota in acqua libera apre completamente le otto gambe e la membrana che le unisce e' perfettamente visibile , assumendo la stessa posizione di quella raffigurata nella dracma ; personalmente rimango della mia ipotesi , cioe' quello raffigurato tra i due delfini , in attinenza con il mare , non puo' essere altro che un polpo ; chi ha mai visto una stella marina a 8 gambe con la membrana , oppure una stella del cielo a 8 raggi con la membrana :confused:

Questo a rigor di logica , poi l' incisore lavorando di fantasia puo' aver rappresentato tra i due delfini , di tutto , allora oltre a quei simboli puo' entrare anche una ruota o qualsiasi altra cosa .

Modificato da Legio II Italica

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

skubydu

Una cosa è certa, il simbolo è sempre presente, con svariati conii diversi sia di D/ che di R/.

Fatta unica eccezione per la dracma che riporta ippocampo al R/ (aprirò a breve discussione..)

Skubydu

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ilvio

Poteva anche sembrare una rosa dei venti ma con il periodo mi sa che non ci siamo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Poteva anche sembrare una rosa dei venti ma con il periodo mi sa che non ci siamo.

Infatti penso improbabile , se non sbaglio la prima rappresentazione grafica della Rosa dei Venti risale al XIV secolo .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×