Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Jacopo92

Abruzzo Regno di Napoli: Coronato Aquila sigla T

Risposte migliori

Jacopo92

Ciao a tutti,

anche se colleziono monete di Napoli, ho voluto aggiungere tra miei pezzi questa della zecca d'Aquila, perchè mi sembrava di bella conservazione per il tipo di moneta. Come vi sembra? Qualcuno che conosce il tipo di moneta potrebbe farmi una sua valutazione? Grazie.

 

214qf0i.jpg

9i4h8w.jpg

 

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dareios it

Buon bb, peccato per la parte tosata tra ore 7 e ore 10.

Modificato da dareios it

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Ho provveduto ad assegnare il tag ad Abruzzo, è più di BB ed è interessante per lo stacco della leggenda al rovescio IVSTA TVEN. DA

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

anto R

Moneta davvero gradevole e con un rovescio ricco di significato storico, infatti questa emissione fu coniata successivamente alla Congiura dei Baroni, nel 1488. Esiste una interessantissima variante dove il drago ha un volto di fattezze umane, per rendere ancora più forte l'associazione drago-male-Baroni.

A breve dovrebbe uscire sul GdN un mio breve articolo sulle monetazioni della Congiura, per questo sono "documentato".

 

Complimenti ancora per l'acquisto,

Antonio

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

anto R

@@francesco77 il mio lavoro è meno approfondito in quanto ha l'intento di spiegare da un punto di vista più storico che numismatico la Congiura anche grazie ad una moneta emessa durante la stessa: il cavallo aquilano a nome di Innocenzo VIII. Il lavoro a cui rimanda il link invece approfondisce meglio il particolare coronato di Ferdinando.

Buona serata,

Antonio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sanni

@@Jacopo92 ... per piacere puoi postare foto limpide con il coronato libero dall'involucro? 

Sono interessato all'aquiletta sotto il busto di Ferdinando. ;)  

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sanni

Ho provveduto ad assegnare il tag ad Abruzzo, è più di BB ed è interessante per lo stacco della leggenda al rovescio IVSTA TVEN. DA

 

France' ... puoi spostare anche questa:  :)

 

http://www.lamoneta.it/topic/130100-laquila-coronato-con-larcangelo-di-ferdinando/?hl=%20coronato%20%20dell#39;aquila

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vox79

Ho provveduto ad assegnare il tag ad Abruzzo, è più di BB ed è interessante per lo stacco della leggenda al rovescio IVSTA TVEN. DA

France questa volta sbagli. La legenda È seprarqtq IVSTA TVE NDA. Ed è molto interessante perché con questa divisione a 3 lettere c'è un esemplare ad oggi unico, pubblicato dal caro amico Gionata Barbieri in cui evidenzia le sigle I T incise rispettivamente sul volto del drago e sul viso dell'Arcangelo. Credo che tale articolo sia ancora disponibile sul sito di Gionata. Sarebbe interessante confrontare il conio di questa moneta con quella pubblicata da Gionata. Per capire se le sigle I e T sono state apposte successivamente.

Qualcuno bravo con photoshop potrebbe fare qualche "magia" per vedere se si tratta dello stesso conio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sanni

@Sanni ecco qua: :good:

 

2wem8p5.jpg

 

Grazie

L'immagine è tagliata a sx.  :P

Se hai tempo e pazienza riproponila intera e, visto che ci sei, anche il R/.  ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

anto R

Se non avete fretta io questo pomeriggio potrei farvi i magheggi grafici.....direi che da quanto è emerso @@Jacopo92 ha fatto il colpaccio!!

Seguo con interesse

Antonio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Ora che non c'è il riflesso della plastica si vedono anche dei rilievi più nitidi, direi che è un Bb/spl.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sanni
C'è qualcosa che non torna nei Coronati di Ferdinando I: possibile che all'epoca abbiano prodotto decine di coni uno diverso dall'altro? Osservandone alcuni ho notato che il volto di profilo, nella maggior parte dei casi e in particolari annate, è sovrapponibile, mentre tutto il resto presenta dei leggeri spostamenti e dei pasticci di metallo, perciò mi sono chiesto: quali potevano essere le fasi di coniazione utilizzate?

 

Non vorrei sbagliare ... come sempre mi succede, ma penso che all'epoca avessero escogitato un metodo assai intelligente e cioè, quello di realizzare più coni con parti univoche sia del D/, sia del R/ al fine di semplificarne la realizzazione e prevenire/sostituire con immediatezza quelli stanchi e soggetti a rotture.

 

Ad esempio: Conio solo corona; solo capelli; solo profilo, solo vesti e decorazione, ecc. ecc.

Infatti, se notate, intorno ai capelli e la corona del mio Coronato e … non solo, ci sono solchi più profondi rispetto al fondo, ciò avvalora che parti singole dell’immagine siano state aggiunte durante la fase di completamento dell’insieme.

 

Ho sovrapposto, con identiche linee guida, il D/ del mio a quello di @@Jacopo92 e ho notato che i profili sono sovrapponibili, nonostante piccolissime variazioni dovute ai diversi passaggi di coniazione, perciò tale ipotesi può avvalorare l'idea che più coni siano circolati e utilizzati in diverse zecche del regno offrendo così la possibilità di aggiungere e/o sostituire particolari a secondo delle necessità. 

Fantasie …?

 

Coro Jacopo92

post-26600-0-52737600-1423562387_thumb.j

 

post-26600-0-05617500-1423562476_thumb.j

Coro Sanni

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

santone

Bella e interessante variante

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vox79

G. Barbieri, Alcune nuove considerazioni sulle iniziali del Maestro di Zecca Gian Carlo Tramontano, "Acta Numismática", 40 (anno 2010), pp. 45-57 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vox79

C'è qualcosa che non torna nei Coronati di Ferdinando I: possibile che all'epoca abbiano prodotto decine di coni uno diverso dall'altro? Osservandone alcuni ho notato che il volto di profilo, nella maggior parte dei casi e in particolari annate, è sovrapponibile, mentre tutto il resto presenta dei leggeri spostamenti e dei pasticci di metallo, perciò mi sono chiesto: quali potevano essere le fasi di coniazione utilizzate?

Non vorrei sbagliare ... come sempre mi succede, ma penso che all'epoca avessero escogitato un metodo assai intelligente e cioè, quello di realizzare più coni con parti univoche sia del D/, sia del R/ al fine di semplificarne la realizzazione e prevenire/sostituire con immediatezza quelli stanchi e soggetti a rotture.

Ad esempio: Conio solo corona; solo capelli; solo profilo, solo vesti e decorazione, ecc. ecc.

Infatti, se notate, intorno ai capelli e la corona del mio Coronato e … non solo, ci sono solchi più profondi rispetto al fondo, ciò avvalora che parti singole dell’immagine siano state aggiunte durante la fase di completamento dell’insieme.

Ho sovrapposto, con identiche linee guida, il D/ del mio a quello di @@Jacopo92 e ho notato che i profili sono sovrapponibili, nonostante piccolissime variazioni dovute ai diversi passaggi di coniazione, perciò tale ipotesi può avvalorare l'idea che più coni siano circolati e utilizzati in diverse zecche del regno offrendo così la possibilità di aggiungere e/o sostituire particolari a secondo delle necessità.

Fantasie …?

Coro Jacopo92

attachicon.gifAquila_Coro_Arcangelo_D_Jaco.jpg

attachicon.gifAquila_Coro_Arcangelo_D_Prova.jpg

Coro Sanni

Mi sembra una ipotesi alquanto azzardata.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dux-sab

sono d'accordo è quello che penso anche per altre zecche.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

anto R

Purtroppo non sono riuscito a reperire l'immagine del coronato oggetto dello studio di Barbieri, se qualcuno postasse almeno il rovescio mi permetterebbe di fare la sovrapposizione in trasparenza necessaria a stabilire un'eventuale coincidenza di conii con l'esemplare di Jacopo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rex Neap

@@vox79 giusto per non far capire in modo non corretto a chi legge......poi correggimi se sono io che ho capito male.

La legenda al rovescio divisa in tre su di un conio Napoletano (IVSTA   TVE   NDA) esiste anche in altri esemplari, perchè nel CNI ci sono, ma su di uno come quello riportato da Gionata Barbieri, nel suo opuscolo, dove si ipotizzano al rovescio le sigle I e T nascoste nel capo dell'Arcangelo (per la T) e nella raffigurazione della testa del drago (per la I)..... il tondello sarebbe unico. 

Comunque non capisco il nesso con questo che è un conio Aquilano.....forse stò diventando davvero vecchio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rex Neap

@@Jacopo92 in Perfetto 2009 ci sono descritti molti esemplari con la legenda divisa in tre, dal nr. 604 al nr. 687  ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vox79

Forse mi sono espresso male. Bisogna guardare solo la parola TVE NDA. divisa in 2 gruppi di 3 lettere ciascuno. Di questa tipologia ne esiste un esemplare ad oggi unico riportato nello studio citato di Gionata Barbieri. Allego la foto. Come vedete sul volto dell'Arcangelo c'è incisa la T e sul volto del drago una I.

Sarebbe interessante con photoshop capire se il conio è lo stesso usato successivamente con l'apposizione dell'Aquila.

post-299-1423631567,12_thumb.jpg

post-299-1423631577,43_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×