Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
tullio

Antonio Denario legionario

Risposte migliori

tullio

ho letto le interessanti discussioni sui legionari di Antonio e vi posto l'immagine di un denario della Legio XX (a proposito qualcuno sa dove era di stanza?) che presenta strane incisioni. Qualcuno sa di cosa si tratta?

tullio

post-3315-1159029628_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

galba

Come giustamente detto da QUATTRINO, sono segni posti sulle monete da

banchieri o cambiavalute

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tullio

vi ringrazio della risposta e del link. Devo dire che sospettavo qualcosa del genere ma mi aspettavo un'incisione dritta, come si vede in altre monete, evidentemente più facile da fare che a forma di "s" come quella del denario che vi ho sottoposto. Evidentemente questo saggio non è stato fatto con un semplice colpo mediante un oggetto tagliente o appuntito. E poi perché più segni, non ne basta uno?

tullio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

quattrino
vi ringrazio della risposta e del link. Devo dire che sospettavo qualcosa del genere ma mi aspettavo un'incisione dritta, come si vede in altre monete, evidentemente più facile da fare che a forma di "s" come quella del denario che vi ho sottoposto. Evidentemente questo saggio non è stato fatto con un semplice colpo mediante un oggetto tagliente o appuntito. E poi perché più segni, non ne basta uno?

tullio

155800[/snapback]

Perchè probabilmente ogni cambiavalute apponeva il suo "simbolo", non fidandosi di quello degli altri ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tacrolimus2000

La forma dei simboli è spesso semplice, ad esempio alcuni raffigurano figure geometriche come cerchi, triangoli, pallini o quadrati, e in qualche caso hanno forma simile ad una lettera dell'alfabeto. Nella maggior parte dei casi, invece possiedono forme strane e non facilmente descivibili.

Su una singola moneta si può ritrovare più di un contrassegno; Gnecchi contò anche sei contrassegni differenti su una stessa moneta.

Secondo una delle teorie proposte per spiegare l'applicazione di questi contrassegni si tratterebbe di un vero e proprio marchio di genuinità, apposto per distinguere una moneta caratterizzata da un buon peso, rispetto a quelle calanti. Questo evitava di pesare nuovamente monete sospette.

Più banchieri potevano quindi verificare una moneta, ed è per questo che si ritrovano anche più di un contrassegno su alcuni denari.

Luigi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

caiuspliniussecundus

La Legio XX era di stanza a Patrae, ammassata insieme a tutte le altre legioni di Antonio in attesa dello scontro finale. Della sua storia precedente non so nulla. So che nei sei mesi prima della grande battalgia le malattie decimarono i legionari di antonio e gli equipaggi delle navi, al punto che interi corpi militari furono fusi e decine di navi date alle fiamme, dato che non avevano più equipaggio.

Dopo Azio Ottaviano si fece carico del destino (soprattutto economico) dei legionari di Antonio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

caiuspliniussecundus

Questo è il migliro libro per studiare storia e monetazione delle guerre civili, molto ben fatto:

David Sear The History and Coinage of the Roman Imperators 49 BC –31 bc Spink, London

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Luciobrenno

tulio, posso integrare la risposta di caiuspliniussecundus perchè tu abbia altri elementi.

Secondo articoli e discussioni presenti in molti siti di antichistica la legione XX, conosciuta come legio XX Valeria Victrix, fu aruolata attorno il 31 a.c. dal princeps Augusto e fu impegnata nell'Illyricum (Istria/Jugoslavia) nell'Iberia (Spagna) dal 25 al 13 a.c., in Germania e per ultimo in Britannia (Inghilterra). Qui partecipò all'invasione dell'isola, per ordine dell'imperatore Claudio, e vi rimase sino ai primi del IV secolo.

Quando fu di stanza nell'Iberia, nel Tarraconensis, fu inquadrata nell'esercito che venne inviato contro i Cantabri; mentre, di stanza nell'Illyricum sotto Tiberio (6 d.c.), fu usata per contrastare i Marcomanni.

Fu poi trasferita di stanza ad Oppidum Ubiorum (Colonia) e ancora a Novaesium (Neuss), sempre sotto il dominio di Tiberio.

Quando nel 43, assieme ad altre tre legioni, invase la Britannia (sotto Claudio), fu posta a presidiare Camulodunum (Colchester) e alcune sue unità furono poste a Kingsholm, Gloucester.

Nel 60 e 61 stroncò la rivolta capeggiata dalla regina Boadicea (Budicca) e si pensa che questa vittoria le abbia permesso di fregiarsi di Valeria Victrix.

Questa legione lavorò moltissimo al Vallo di Adriano e si pensa anche in quelo d'Antonino.

La rappresentava il cinghiale come simbolo legionario. Altri originano il nome Valeria per il fatto d'avere legami con la gens Valeria ed altri ancora lo originano dal valore militare.

la sua storia non finisce qui. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×