Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
El Chupacabra

Æ3 di Crispo Cesare

Risposte migliori

El Chupacabra

Carissimi, buongiorno.

recentemente un mio amico inglese in visita, sapendo della mia passione per la numismatica e per la ricerca, mi ha donato alcuni piccoli bronzi costantiniani. Si tratta di monetine assai consunte e tormentate che, però, lungi dal deprimermi, esaltano il mio interesse e curiosità nel tentativo di dar loro un'identità. Premesso che non posseggo testi di riferimento (molto più banalmente colleziono il Regno d'Italia), fra tutte mi ha attratto la mia attenzione questo Æ3 di Crispo, lo sfortunato figlio di Costantino il Grande. Per quello che ho potuto reperire sul web, sembrerebbe un esemplare di cui si conosce l'esistenza grazie al "tesoro" di Bikic-Do in Serbia (di cui, tuttavia, non sono riuscito a capire l'anno di ritrovamento...). Chiedo a Voi esperti: ho errato la catalogazione (vedi immagine qui sotto)? Quale grado di rarità si può dare a tale moneta?

Mi rendo conto che la foto è parecchio difficile da interpretare, ma Vi chiedo di credere che legende e zecca sono quelle indicate da me potendo usufruire di una disamina dal vivo e potendo vedere la moneta da più angolazioni per avere una migliore visione dei dettagli.

Grazie a chi mi potrà dare conferma (o smentita) alla mia ricerca.

817662509_CrispoCesare(317-326)ArlesP.thumb.jpg.d0d75f1598cebb5195409d933f127c91.jpg

Modificato da El Chupacabra

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Credo anch'io che si tratti di Arelate, prima officina. Non ti so dire la rarità, nè la classificazine RIC.

La legenda del diritto, visto che CRISPO è al dativo, risulta: DOMINO NOSTRO CRISPO NOBILISSIMO CAESARI.

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

El Chupacabra
33 minuti fa, gpittini dice:

La legenda del diritto, visto che CRISPO è al dativo, risulta: DOMINO NOSTRO CRISPO NOBILISSIMO CAESARI.

Hai perfettamente ragione: ho corretto... La legenda era rimasta al nominativo per il copia-incolla dagli altri bronzetti che ho classificato. Questo è l'unico che si presenta al dativo.

Spero che qualcuno possa rispondere ai miei quesiti.

Modificato da El Chupacabra

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Dovrebbe essere fra il 319 ed il 321, ma nel RIC non riesco a trovarla.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

El Chupacabra
10 ore fa, gpittini dice:

nel RIC non riesco a trovarla

In effetti, nemmeno su Wildwinds ho trovato nulla. Ieri, però, vagando sul web ho trovato questo:

www.forumancientcoins.com/dane/victoria-laetae.xls

Si tratta di un foglio excel che elenca tutte le possibili combinazioni (imperatore, zecca, tipo di legenda, forma dell'altare e del busto, ecc.) delle monete "Victoriæ lætæ principis perpetuæ". La moneta in oggetto viene riportata come:

Ruler: CRISPUS     Obverse legend/and pos. of break: DN CRISPO NOB CÆS     Rev. Legend with break: VICTORIÆ LÆTÆ PRINC PERP     On shield: VOT PR     Altar design: 5e

Basic design: plain     Mintmark: P star-over-crescent A     City: Arles      RIC: Bikic-Do hoard, Sirmium VIII Arles, 10     Rarity (RIC VII): R5     Notes: 3 dots within garland

RIC no. on Wildwinds?: - - -

Ora, non so quanto sia affidabile, ma monete con la legenda al dativo e il segno di zecca con stella-su-luna-crescente (fra i pochi tratti perfettamente distinguibili) ne riporta un sola e fa riferimento al "tesoro di Bikic-Do". Nella rarità, richiama il RIC VII, ma è il titolo della colonna che vale come riferimento per tutte le tipologie di Crispo, tant'è vero che poi, nella colonna specifica di richiamo alla letteratura (RIC n°, Wildwins?) non riporta nulla. Stando a questo documento, sembrerebbe un esemplare estremamente raro di cui si conosce uno (o qualche esemplare) rinvenuto fra tutte le monete del IV secolo a Bikic-Do.

A questo punto, la mia domanda è: "Cosa si sa del tesoro di Bikic-Do, qualcuno di Voi, può fornirmi delle notizie in tal senso?"

Modificato da El Chupacabra

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×