Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
gpittini

Dracma di Antonino Pio

Recommended Posts

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Stasera vi mostro una dracma alessandrina di Antonino, recentemente entrata in collezione. Il diritto non è bellissimo, ma mi accontento; intorno al busto riesco a leggere solo: ANTωN..., con quella strana commistione di maiuscole e minuscole dell'alfabeto greco. Del resto, la "omega minuscola" sarà usata correntemente come maiuscola nel mondo bizantino. Al rovescio, la figura è quella della speranza (in greco ΕΛΠΙΣ), che però non è nominata: si legge solo ΕΝΔΕ/ ΚΑ, undici, evidentemente l'anno di regno.  La moneta pesa 22,7 g. e misura 33 mm.  Classificabile come Dattari-Savio 2543/126,  e VMR 2543.

Queste dracme si trovano generalmente in condizioni mediocri, sia per l'usura della circolazione, sia (probabilmente) perchè coniate fin dall'origine con una tecnica piuttosto affrettata. Sono quasi sempre molto "granulose", e con irregolarità e fratture del bordo. Ma forse proprio questo conferisce loro un fascino tutto particolare.

PIC_4862.png

PIC_4863.png

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

fabgeo
1 ora fa, gpittini dice:

DE GREGE EPICURI

Stasera vi mostro una dracma alessandrina di Antonino, recentemente entrata in collezione. Il diritto non è bellissimo, ma mi accontento; intorno al busto riesco a leggere solo: ANTωN..., con quella strana commistione di maiuscole e minuscole dell'alfabeto greco. Del resto, la "omega minuscola" sarà usata correntemente come maiuscola nel mondo bizantino. Al rovescio, la figura è quella della speranza (in greco ΕΛΠΙΣ), che però non è nominata: si legge solo ΕΝΔΕ/ ΚΑ, undici, evidentemente l'anno di regno.  La moneta pesa 22,7 g. e misura 33 mm.  Classificabile come Dattari-Savio 2543/126,  e VMR 2543.

Queste dracme si trovano generalmente in condizioni mediocri, sia per l'usura della circolazione, sia (probabilmente) perchè coniate fin dall'origine con una tecnica piuttosto affrettata. Sono quasi sempre molto "granulose", e con irregolarità e fratture del bordo. Ma forse proprio questo conferisce loro un fascino tutto particolare.

PIC_4862.png

PIC_4863.png

Concordo su tutto, molto affascinanti

Share this post


Link to post
Share on other sites

apollonia
Supporter

59221863_Antonino90001266.jpg.4afaa91c287798b813728f993a3da03c.jpg

EGYPT, Alexandria. Antoninus Pius. AD 138-161. Æ Drachm (34mm, 22.60 g, 12h). Dated RY 11 (AD 147/8). Laureate, draped, and cuirassed bust right / Elpis advancing left, holding flower and raising hem of skirt; L ЄNΔ Є KATOV (date) around. Köln 1578; Dattari (Savio) 2543 var. (legend breaks); K&G 35.404. Good VF, green patina with earthen highlights.

La scritta sul rovescio è L ЄNΔ Є KATOV, cioè L (simbolo che precede l'anno) seguito da 'undicesimo' in greco. La figura femminile (Elpis) tiene un fiore nella mano destra e con la sinistra si alza un lembo della gonna.

1593918314_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.648c20dd56d74deec290edbe56398078.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

fabgeo
17 ore fa, gpittini dice:

DE GREGE EPICURI

Stasera vi mostro una dracma alessandrina di Antonino, recentemente entrata in collezione. Il diritto non è bellissimo, ma mi accontento; intorno al busto riesco a leggere solo: ANTωN..., con quella strana commistione di maiuscole e minuscole dell'alfabeto greco. Del resto, la "omega minuscola" sarà usata correntemente come maiuscola nel mondo bizantino. Al rovescio, la figura è quella della speranza (in greco ΕΛΠΙΣ), che però non è nominata: si legge solo ΕΝΔΕ/ ΚΑ, undici, evidentemente l'anno di regno.  La moneta pesa 22,7 g. e misura 33 mm.  Classificabile come Dattari-Savio 2543/126,  e VMR 2543.

Queste dracme si trovano generalmente in condizioni mediocri, sia per l'usura della circolazione, sia (probabilmente) perchè coniate fin dall'origine con una tecnica piuttosto affrettata. Sono quasi sempre molto "granulose", e con irregolarità e fratture del bordo. Ma forse proprio questo conferisce loro un fascino tutto particolare.

PIC_4862.png

PIC_4863.png

Mi piacciono molto anche per questo aspetto 'grezzo'. La simbologia dei tipi è comunque molto bella e rappresenta vari tipi di sincretismo tra divinità egizie e greco-romane sicuramente interessante.

Fabio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.