Jump to content
IGNORED

Impero francese: Napoleone I, medaglia in argento per la battaglia di Wagram (1809)


lorluke
 Share

Recommended Posts

Buongiorno e buona domenica a tutti gli amici del forum!
Dopo alcuni mesi, torno oggi finalmente a mostrarvi un nuovo acquisto.
Direttamente proveniente dall’ultima asta V.L. Nummus, ho il piacere di presentarvi una bella medaglia napoleonica in argento.
Si tratta della prima medaglia di Napoleone della mia collezione.
Ho cercato per lungo tempo un esemplare che potesse soddisfarmi pienamente prima di dare inizio a questo filone collezionistico e finalmente sono riuscito a trovarlo. Nello specifico, si tratta della medaglia in argento coniata in onore della battaglia di Wagram.

Da appassionato di Storia prima che di numismatica, se me lo consentite, mi piacerebbe fare una descrizione degli eventi che portarono alla battaglia e, in un secondo momento, mostrare le foto della medaglia.

Antefatti

A seguito della cocente sconfitta subita nella campagna del 1805, culminata nella cruciale battaglia di Austerlitz, l’Austria vide notevolmente ridotta la propria influenza nello scacchiere europeo.
Oltre alle ingenti perdite territoriali subite, Vienna fu costretta a riconoscere la fine del Sacro Romano Impero e, allo stesso tempo, la nascita della Confederazione del Reno, costituita da una serie di Stati vassalli fedeli alla Francia.
Ciò sancì, in poche parole, la fine dell'influenza austriaca sulla Germania, ovviamente a vantaggio dell’Impero francese.

Questi fatti portarono alla nascita di un profondo sentimento revanscista nel Paese, non solo fra i nobili di corte, sempre avversi alla Francia rivoluzionaria, ma anche nel ceto medio. Gli austriaci erano consapevoli che ciò che avevano perso sul campo di battaglia poteva essere recuperato soltanto sul campo di battaglia.
Per prima cosa, però, bisognava occuparsi dell’esercito e adeguarlo alle nuove tattiche militari introdotte da Napoleone, soprattutto alla luce delle gravi lacune mostrate nell’ultimo conflitto. Una serie di importanti riforme volte a modernizzare le forze armate fu portata avanti dall’arciduca Carlo d’Asburgo, nominato nel 1806 comandante in capo dell’esercito.
Costui era un brillante stratega e aveva capito che, per creare una macchina da guerra moderna all’altezza della potenza bellica francese e non più ancorata ai canoni del secolo precedente, bisognava prendere esempio da Napoleone e dalla sua Grande Armée.
Grazie a queste riforme, nell’arco di pochi anni, l’esercito austriaco si riorganizzò completamente, diventando una seria minaccia per la Francia.

1200px-Johann_Peter_Krafft_003.jpg

Raffigurazione dell'arciduca Carlo d'Asburgo alla testa dell'esercito austriaco

Nel frattempo, mentre l’Austria si stava riarmando, le truppe francesi erano occupate nella penisola iberica, in una campagna militare tanto difficile quanto sanguinosa. La Grande Armée sembrava aver trovato finalmente un ostacolo all’altezza delle sue implacabili mire espansionistiche.
La Spagna divenne una vera trappola mortale per la Francia: una nazione che non si sarebbe mai piegata al volere di Napoleone, che avrebbe combattuto fino all’ultimo uomo (vedendo anche il coinvolgimento della popolazione civile) e che fino al 1814 avrebbe rappresentato una grave spina nel fianco all’Impero francese. L’invasione della penisola iberica fu, probabilmente, uno dei più gravi errori tattici commessi da Napoleone, secondo solo (a mio avviso) alla disastrosa campagna di Russia del 1812.

El dos de mayo de 1808 en Madrid.jpg

Rivolta del 2 maggio 1808 a Madrid contro l'occupazione francese

Edited by lorluke
  • Like 6
Link to comment
Share on other sites


Siccome le mie foto non sono certamente all'altezza, per rendere il giusto merito a questo esemplare, mi permetto di aggiungere altre immagini.
Foto del catalogo dell'asta: 

IMG_20211121_165705_044.jpg

Battaglia di Wagram, 1809, Parigi opus Andrieu, Galle & Denon, AR 40,42g. Ø40,5mm. [3,6mm.
NAPOLEON EMP• ET ROI• Testa laureata a d., nel troncato, ANDRIEU F•.
Rv. Ercole stante al centro con clava e pelle di leone schiaccia con il piede un gigante, sdraiato al suolo che si ripara con scudo, a d. la Vittoria alata con ramo di palma e corona d'alloro;
in esergo, BATAILLE DE WAGRAM/ VI JUILLET M DCCCIX; in basso, nel giro, DENON D• - GALLE F•. ↑.
Bramsen 860. Julius 2107. Essling 1242. TNE 32.13.

Molto rara

Altre immagini scattate dalla casa d'aste:

image.png

image.png

Riferimenti bibliografici di esemplari esclusivamente in argento esitati in aste passate

- St. James Auctions Ltd, Asta 19, Lotto 1126    03.10.2011

- Spink, Asta 13015, Lotto 335    02.12.2013

- Monnaies d'Antan, Asta 16, Lotto 1189    22.11.2014

- NAC Numismatica SpA & Varesi, Asta 115 - Collezione medaglie napoleoniche ANPB, Lotto 1785    29.05.2019

- Fritz Rudolf Künker, Asta 350, Lotto 1817    29.06.2021

Edited by lorluke
  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


  • lorluke changed the title to Impero francese: Napoleone I, medaglia in argento per la battaglia di Wagram (1809)

Beh complimenti, sono interventi che ti fanno appassionare alla medaglistica in particolare anche per il necessario e ottimo inquadramento storico per capire il momento in cui fu emessa.

Molto bello il ritratto, ricca e particolareggiata la scena classica del rovescio, direi un ottimo acquisto e complimenti anche per l’esposizione divulgativa !

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Bella discussione e bellissima medaglia. Sulla fine del Sacro Romano Impero ho sentito almeno due spiegazioni: (1) fu Napoleone ad imporre a Francesco d' Asburgo la dissoluzione del SRI, per motivi di prestigio e perche' comunque ormai il "re di Roma" era lui. (2) la dissoluzione fu decisa dagli austriaci, per il timore che, con l' aiuto degli stati tedeschi, Napoleone potesse essere eletto lui imperatore del SRI. Voi che notizie avete?

 

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


48 minuti fa, gpittini dice:

Bella discussione e bellissima medaglia.

Ti ringrazio per i complimenti! 

48 minuti fa, gpittini dice:

Sulla fine del Sacro Romano Impero ho sentito almeno due spiegazioni: (1) fu Napoleone ad imporre a Francesco d' Asburgo la dissoluzione del SRI, per motivi di prestigio e perche' comunque ormai il "re di Roma" era lui. (2) la dissoluzione fu decisa dagli austriaci, per il timore che, con l' aiuto degli stati tedeschi, Napoleone potesse essere eletto lui imperatore del SRI. Voi che notizie avete?

È una questione di cui anch’io avevo sentito parlare. Personalmente, ritengo sia storicamente più veritiera la prima ipotesi, anche perché nella trattativa di pace era la Francia ad avere il coltello dalla parte del manico.
Napoleone poi era Imperatore di Francia. Non credo, onestamente, che mirasse al titolo di Imperatore del Sacro Romano Impero, anche se, di fatto, assumendo il ruolo di garante e protettore della Confederazione del Reno, per certi aspetti lo era diventato…

In altre parole, tenendo a mente quanto Napoleone fosse un uomo pragmatico, direi che del titolo in sé non se ne faceva niente, mentre del controllo dell’area renana sì.

Edited by lorluke
Link to comment
Share on other sites


Bellissima medaglia, ottime le tonalità dell'argento. Ovviamente tutta la storia permette di inquadrarla e darle il giusto peso, alla fine l'emissione serviva a celebrale e commemorare no? Questi contenuti sono di altissimo livello ci rimangono impressi e condizionano il nostro modo di collezionare, quindi grazie lorluke! E ancora complimenti per la nuova aggiunta

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Awards

Supporter

 

Il 21/11/2021 alle 13:51, lorluke dice:

Siccome le mie foto non sono certamente all'altezza, per rendere il giusto merito a questo esemplare, mi permetto di aggiungere altre immagini.
Foto del catalogo dell'asta: 

IMG_20211121_165705_044.jpg

Battaglia di Wagram, 1809, Parigi opus Andrieu, Galle & Denon, AR 40,42g. Ø40,5mm. [3,6mm.
NAPOLEON EMP• ET ROI• Testa laureata a d., nel troncato, ANDRIEU F•.
Rv. Ercole stante al centro con clava e pelle di leone schiaccia con il piede un gigante, sdraiato al suolo che si ripara con scudo, a d. la Vittoria alata con ramo di palma e corona d'alloro;
in esergo, BATAILLE DE WAGRAM/ VI JUILLET M DCCCIX; in basso, nel giro, DENON D• - GALLE F•. ↑.
Bramsen 860. Julius 2107. Essling 1242. TNE 32.13.

Molto rara

Altre immagini scattate dalla casa d'aste:

image.png

image.png

Riferimenti bibliografici di esemplari esclusivamente in argento esitati in aste passate

- St. James Auctions Ltd, Asta 19, Lotto 1126    03.10.2011

- Spink, Asta 13015, Lotto 335    02.12.2013

- Monnaies d'Antan, Asta 16, Lotto 1189    22.11.2014

- NAC Numismatica SpA & Varesi, Asta 115 - Collezione medaglie napoleoniche ANPB, Lotto 1785    29.05.2019

- Fritz Rudolf Künker, Asta 350, Lotto 1817    29.06.2021

 Splendia medaglia, inquadrata nel contesto storico del tempo : da me che sono un appassionato di Storia, complimenti e saluti cordiali !

Edited by sandokan
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Ringrazio di cuore tutti coloro che hanno letto ed apprezzato questo mio piccolo contributo, lasciando un commento positivo e/o un “mi piace”. 
Fa sempre piacere veder apprezzato un proprio lavoro, soprattutto quando per realizzarlo è stato necessario impiegare diverse ore di tempo tra scrittura, raccolta del materiale, ricerca delle immagini, ecc. Ovviamente, tutto ciò l’ho fatto esclusivamente per amore per la Storia, la numismatica e la loro divulgazione. 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.