Jump to content
IGNORED

20 ct. prova 1907 sabbiato?


giac1208
 Share

Recommended Posts

Mi chiedo perche' sabbiarlo ?

Difficile stabilire se siamo di fronte ad un inedito o ad un inedito creato ad arte ; mancando una documentazione ufficiale

Link to comment
Share on other sites


Guest utente3487
Mi chiedo perche' sabbiarlo ?

Difficile stabilire se siamo di fronte ad un inedito o ad un inedito creato ad arte ; mancando una documentazione ufficiale

Molto molto difficile :ph34r:

Link to comment
Share on other sites

Guest utente3487

Tra l'altro, se fosse inedito come dite, la zecca potrebbe rivendicarne il possesso, attraverso una causa civile (essendo ormai il penale concluso)....

Link to comment
Share on other sites

  • ADMIN
Staff

Ma questo è Johnson...

Link to comment
Share on other sites


Dalla foto non riesco a vedere se sotto la data e' presente R.Z. in questo caso sarebbe l' esemplare zecca di Roma (Gigante P52)

Se invece sotto la scritta prova c'e' S.J. e' uscito dallo stabilimento Johnson

progetto20centesimi1907_1907_13202.jpg

Link to comment
Share on other sites


Guest utente3487
cerchero' di mettere una foto migliore! .... e dello stabilimento johnson!

perche lo stato potrebbe rivendicarla?

non è della zecca di stato!

Se è dello S.J. allora sei in una botte di ferro.. :)

Link to comment
Share on other sites

si! sono sicuro! è scritto sotto la dicitura prova! (s.j.)

ma mi piacerebbe saperne di piu'!...

è stata periziata nel 2007 dal noto perito, non si sarebbe accorto se creata ad arte?

Link to comment
Share on other sites


Le prove e i progetti dello stabilimento Johnson sono liberamente collezionabili , pertanto come dice elledi il tuo esemplare e' al sicuro :rolleyes:

La tecnica della sabbiatura e' possibile praticarla in qualsiasi momento dopo la coniazione.

Per esempio una ditta orafa con il macchinario adeguato e' in grado di eseguire una sabbiatura a posteriori.

Non ritengo possibile stabilire quando e' avvenuta , a meno di avere documenti S.J. comprovanti almeno la tecnica adottata per questa tipologia

Link to comment
Share on other sites


si! sono sicuro! è scritto sotto la dicitura prova! (s.j.)

ma mi piacerebbe saperne di piu'!...

è stata periziata nel 2007 dal noto perito, non si sarebbe accorto se creata ad arte?

A mio avviso la moneta é a posto, ovvero é nata con questa particolare "sabbiatura"; lo dico perchè mi ricordo di averla avuta in mano, anni fa. Per questa bella moneta furono realizzati diversi tipi di prove: in oro, in alluminio, in nichel, in metallo argentato (queste ultime sia coniate che prodotte col sistema galvanico), fondi a specchio, normali e persino sabbiate (ritengo sia più plausibile però parlare di acidatura più che di sabbiatura).

Link to comment
Share on other sites


all'epoca era prassi molto comune sabbiare le monete, la monetazione del re numismatico è piena di prove sabbiate, non possiamo parlare di artefazione se non vediamo la moneta sul montenegro oppure sul più obsoleto pagani, è praticamente impossibile catalogare TUTTE le prove, anche perchè molte sono tutt'oggi sconosciute essendo molto rare. Inoltre la moneta è stata esaminata da uno dei maggiore esperti italiani sulle prove e si può deporre la massima fiducia in merito al suo giudizio supportato dalla più grande esperienza in merito.

L'esemplare da 100 lire 1908 che postai poco tempo fa, ad esempio è inedito in quanto ha il contorno liscio mentre tutti gli altri esemplari lo hanno rigato, non se ne conosceva l'esistenza, manca nei specifici cataloghi ma non per questo si può parlare di artefazione

Link to comment
Share on other sites


Il mondo delle Prove & Progetti offre sempre novita' :)

Sicuramente Bazzoni e' un signor esperto nella monetazione del Regno d' Italia , tuttavia mi domando se domani facessi sabbiare il mio esemplare di 20 ct. prova 1907 come distinguerlo da uno "originale" ?

Link to comment
Share on other sites


Sig. Alberto, può spiegarci meglio in cosa consiste la cosiddetta Acidatura? Grazie. :)

per quel poco che ne so io l'acidatura dovrebbe essere ottenuta mediante l’utilizzo di sostanze che stimolano il processo di ossidazione quali acqua con aggiunta di sale, aceto e altri componenti che accelerano il naturale processo di invecchiamento del metallo trattato.

Link to comment
Share on other sites


Guest utente3487
praticamente creato a proprio piacimento.

Immagino che adesso abbiate una visione ben diversa in merito alle rarità numismatiche (nel loro complesso ovviamente). Ma secondo voi è possibile che fino a pochi anni fa i collezionisti si "bevevano" tutto quello che veniva loro propinato?

Link to comment
Share on other sites

Guest utente3487
Sig. Alberto, può spiegarci meglio in cosa consiste la cosiddetta Acidatura? Grazie. :)

per quel poco che ne so io l'acidatura dovrebbe essere ottenuta mediante l’utilizzo di sostanze che stimolano il processo di ossidazione quali acqua con aggiunta di sale, aceto e altri componenti che accelerano il naturale processo di invecchiamento del metallo trattato.

Grazie del tuo contributo. Secondo voi questo procedimento come deve essere interpretato? Mi spiego meglio: se si tratta di una accelerazione del processo di invecchiamento che comunque prima o poi avverrà per cause naturali, diminuisce o no il valore di un esemplare?

Link to comment
Share on other sites

cerchiamo di fare un po di chiarezza e non spariamo i soliti sospetti senza aver nemmeno visto la moneta.

per la mia modesta esperienza posso dirvi:

Di queste monete ne ho avute e visionate una decina, tra queste ve ne era una anche sabbiata, costavano tutte la stessa cifra pertanto nessuno ha artefatto una rarità per speculare, le monete sono rare già di suo non c'è bisogno di alterarle (rischiando fortemente di rovinarle) per poi venderle allo stesso prezzo, sarebbe quantomeno stupido, non credete ?

L'esperienza di numismatici come Bazzoni o Varesi sono certamente in grado, dopo uno studio approfondito di capire se si tratta di un intervento moderno o di un intervento avvenuto 100 anni fa e noi fino a quando non abbiamo la cultura, la conoscenza e la competenza di smentire (escusivamente ed obbligatoriamente dopo una visione diretta) un loro giudizio, dovremmo perlomento fidarci, fidarci maggiormente di chi ha potuto visionare direttamente le monete e di chi ne ha potuti esaminare svariate decine di esemplari nel corso degli anni. Se poi vi è la tendenza a vedere il marcio ovunque vi possa essere allora non posso certo aiutarvi.

un esempio:

Con le tecniche moderne è possibile asportare il punto dai 5 centesimi 1913, ma non perchè esistano queste tecniche dobbiamo gridare al falso in tutti i 5 centesimi 1913 che vediamo, professionisti affermati saranno sempre e comunque in grado di autenticare o meno un 5 centesimi senza punto e io mi fiderò sicuramente dei loro giudizi

Link to comment
Share on other sites


Sicuramente Bazzoni e Tevere hanno esperienza ma ci sono anche dei loro colleghi N.I.P. piemontesi con qualche annetto in piu' sulle spalle che quando parlo di certi inediti si mettono a ridere o come minimo a frenarmi da certi propositi

Probabilmente i vecchi numismatici hanno una diversa mentalita' , sono ancora fermi al Pagani e al Simonetti e vedono con sospetto tutto quello che non e' stato ancora studiato

Per quanto riguarda il 5 centesimi 1913 senza punto un professionista senza alcun dubbio e' in grado sempre di autenticare tale moneta in alta conservazione (FDC e SPL) , al di sotto del BB le cantonate sono all' ordine del giorno.

A volte mi e' capitato di partecipare e sentire pareri contrastanti di commercianti professionisti o comunque periti. su questa tipologia , come sul centesimo del 1902 e qualche altre tipo , e alla fine definire dubbi gli esemplari sottoposti a giudizio non avendo raggiunto un parere univoco

Giusto ieri sera Luca e Libero Pacchiega mi hanno presentato un esemplare in FDC chiuso da loro ; in conservazione inferiore consigliano amichevolmente di evitarli proprio perche' con le tecniche moderne esemplari artefatti non sempre sono riconoscibili con sicurezza totale anche per coloro che ne hanno visti piu' di uno

Link to comment
Share on other sites


Guest utente3487

Con le tecniche moderne è possibile asportare il punto dai 5 centesimi 1913, ma non perchè esistano queste tecniche dobbiamo gridare al falso in tutti i 5 centesimi 1913 che vediamo, professionisti affermati saranno sempre e comunque in grado di autenticare o meno un 5 centesimi senza punto e io mi fiderò sicuramente dei loro giudizi

Mi permetto di dissentire sull'affermazione professionisti affermati saranno sempre e comunque in grado di autenticare o meno un 5 centesimi senza punto. Senza nulla togliere alle elevate competenze di professionisti peraltro nominati, NESSUNO ha il dono dell'infallibilità.

Link to comment
Share on other sites

Guest utente3487

E senza voler alimentare polemiche, rammento che, in nome del Dio Commercio, fino a pochi anni fa, molti professionisti per aumentare l'interesse su alcuni pezzi scrivevano tranquillamente frasi del tenore "Mancante anche al Museo della Zecca", pur sapendo, da ottimi professionisti, che una legge del 1910 ecc ecc, e "sfuggiti miracolosamente al crogiuolo", pur sapendo (non essendo nati ieri), che non potevano essere sfuggiti alla distruzione se non in conseguenza di un fatto illecito.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.