Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
dott. Gordon Freeman

aiuto cancro bronzo

Recommended Posts

dott. Gordon Freeman

ciao atutti ho un asse di germanico , sta spuntando il cancro del bronzo su un piccolo punto della testa, e sotto il busto, ho il benzotriazolo, ho provato a diluirlo con l'alcool 95% e a lasciarla a bagno, per 1 ora ma niente da fare dopo 24 ore e' rispuntato.

il problema e' che non so come regolarmi con le dosi di benzotriazolo, col cucchiaino non mi regolo perche il suo peso specifico e' molto inferiore all'alcool,(si presenta infatti sotto forma di cristalli leggeri come le piume)e forse perche usando l'acetone si ottengono risultati migliori?

se c'e qualcuno in grado di dirmi le dosi giuste mi fa un piacere

ciao a tutti

Share this post


Link to post
Share on other sites

numizmo

ciao atutti ho un asse di germanico , sta spuntando il cancro del bronzo su un piccolo punto della testa, e sotto il busto, ho il benzotriazolo, ho provato a diluirlo con l'alcool 95% e a lasciarla a bagno, per 1 ora ma niente da fare dopo 24 ore e' rispuntato.

il problema e' che non so come regolarmi con le dosi di benzotriazolo, col cucchiaino non mi regolo perche il suo peso specifico e' molto inferiore all'alcool,(si presenta infatti sotto forma di cristalli leggeri come le piume)e forse perche usando l'acetone si ottengono risultati migliori?

se c'e qualcuno in grado di dirmi le dosi giuste mi fa un piacere

ciao a tutti

Strano,il benzotriazolo puro,ai miei tempi era una polvere e quello in cristalli aghiformi era una forma già diluita. Comunque la regola è dal 2 al 5% di benzotriazolo in alcool etilico o meglio isopropilico.

Forse non ti ha funzionato perchè hai usato la forma diluita oppure perché la moneta è trattata con cere. In questo caso bisogna prima decerarla con l'acetone e poi fare il trattamento Quando è stabilizzata passaci una cera microcristallina. Di solito funziona meglio se scaldi un pò la moneta prima di appllcarla.

Share this post


Link to post
Share on other sites

dott. Gordon Freeman

no, il prodotto e' puro, e non diluito, potrei usare l'acetone invece dell'alcool? come mi regolo con le dosi?col bilancino?

Share this post


Link to post
Share on other sites

dott. Gordon Freeman

sto perdendo la moneta, mi date un consiglio?

Share this post


Link to post
Share on other sites

ariminvm

Come stai perdendo la moneta? se hai detto che è appena spuntato in un piccolo punto puoi stare tranquillo, non è poi così veloce la degenerazione.

Se vuoi ti posso raccontare una mia esperienza; una volta riguardando un mio sesterzio, peraltro quello a cui tengo di più ho scoperto con grande dispiacere che stava iniziando a spuntare del cancro... ma non in un punto, in almeno una decina di punti.

La prima cosa che ho fatto è stata asportare la "polverina" con molta delicatezza usando uno spillo e con l'aiuto di un microscopio 20x.

Poi ho immerso la moneta in acqua distillata cambiando acqua tutti i giorni per almeno un paio di mesi... e controllando ad ogni cambio di acqua lo stato della moneta.

A distanza di quasi due anni, non è più ricomparsa alcuna traccia di cancro e tutto senza utilizzare il pericoloso benzotriazolo. A vedere la moneta ora non si direbbe mai quello che ha avuto... mi dispiace solo non averla fotografata appena insorto il cancro.

Comunque disponendo tu del benzotriazolo probabilmente potrai risparmiarti la procedura dei 2 mesi di cambio acqua e, dopo aver ripulito la moneta dalla polverina verde, curarla direttamente col benzotriazolo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

tacrolimus2000

come mi regolo con le dosi?col bilancino?

Le formulazioni consigliate (espresse in percentuale) si intendono peso/volume.

Ad esempio per ottenere una soluzione al 5% (w/v) è necessario eseguire una pesata del BTA ed una misura del volume di alcool, ossia per ottenere una soluzione al 5% basta pesare 5g di BTA e scioglierlo in 100 ml di alcool. Per soluzioni al 3% o al 7% basta variare la quantità di BTA in accordo, mantenendo lo stesso volume.

Se 100 ml di soluzione sono troppi (anche se conservato in bottiglia chiusa la soluzione di BTA non è stabile), puoi diminuire le dosi in rapporto. Ad esempio 10 ml di alcool e 0.5 g di BTA.

Devi quindi disporre di una bilancia in grado di leggere almeno 0.1 g ed un cilindro graduato o un becker graduato (preferibilmente in vetro) se intendi misurare 100 ml di alcool. Se i volumi di etanolo diminuiscono (10 ml), per una buona precisione, occorrerebbe una pipetta graduata ed un sistema di aspirazione (non aspirare a bocca !!!) che non tutti hanno a disposizione. In questo caso, tenendo conto della densità del solvente che intendi usare puoi ricorrere ad una pesata anche per il solvente.

Ad esempio 10 ml di alcol etilico al 95% pesano circa 8 g (d=0.81 g/ml).

Per il resto evito di ripetere i consigli già ricevuti, ma mi permetto di suggerire di evitare il contatto del BTA e delle sue soluzioni con qualsiasi parte del corpo; per le mani ed indossa sempre quanti protettivi e proteggi gli occhi da schizzi accidentali.

Dopo trattamento, lava la moneta con acqua distillata per rimuovere l’eccesso di BTA.

Luigi

Share this post


Link to post
Share on other sites

piakos

Questa tipologia di interventi è piuttosto delicata.

Per eseguirli al meglio, andrebbero fatti da gente già esperta e che possa fornire garanzie tecniche.

Peraltro si maneggiano preparati pericolosi per la nostra salute.

Io li farei fare da chi ha già imparato a farli.

Nel contempo chiederei di poter assistere all'operazione.

Infine, se sentissi il valore di impratichirmene, farei scuola con pezzi di valore scarso o nullo, reperendoli apposta sul mercato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

cembruno5500

Questa tipologia di interventi è piuttosto delicata.

Per eseguirli al meglio, andrebbero fatti da gente già esperta e che possa fornire garanzie tecniche.

Peraltro si maneggiano preparati pericolosi per la nostra salute.

Io li farei fare da chi ha già imparato a farli.

Nel contempo chiederei di poter assistere all'operazione.

Infine, se sentissi il valore di impratichirmene, farei scuola con pezzi di valore scarso o nullo, reperendoli apposta sul mercato.

Straquoto l' amico piakos

Share this post


Link to post
Share on other sites

dott. Gordon Freeman

io ho seguito i suggerimenti tecnici ho diluito il btz con acetone circa al 5 % a bagno circa 1 ora pero, e poi ho rilavato la moneta, c'e un problema pero', il buchetto sul viso dell'imperatore e' rimasto , ma quello penso si possa rimediare, adesso nei prossimi giorni vedo se riesce la polverina verde e poi in caso negativo,cosa ci metto sul buco rimasto, in mancanza dello stucco??

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.