Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
latino

10 CENT. 1866 SENZA SEGNO DI ZECCA ?

Risposte migliori

latino

buonasera,sono in possesso di questa moneta,osservando un catalogo ho notato che è catalogata come R5,chiedo agli esperti se veramente è cosi rara.

materiale rame

peso gr.10

dia. 30

post-13420-1263746792,49_thumb.jpg

post-13420-1263746807,11_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Aurelio

Esistono dei falsi e delle monete artefatte: probabilmente è una di queste, ingrandisci con una lente il campo del segno di zecca.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ramossen

Più che rara è una moneta mitologica, le cose sono due: o sei in possesso di una patacca manomessa oppure stai per mettere una pietra miliare nel campo della numismatica, per istinto propendo per la prima ipotesi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cembruno5500
Supporter

dubito parecchio che sia originale

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

incuso
Supporter

Mi sembra di vedere i vari colpetti caratteristici del noto falso descritto a catalogo ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paolino67

Mi sembra di vedere i vari colpetti caratteristici del noto falso descritto a catalogo ;)

Già... nonchè la classica usura del baffo su una moneta che sarebbe invece in alta conservazione. Direi che si tratta del solito falso che ciclicamente appare sul mercato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cembruno5500
Supporter

il baffo è una spia importantissima, in questo ed in tutti gli altri casi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Saturno

Vi riporto un interessante articolo di Tevere, che riguarda questa moneta :

Una moneta che andrebbe eliminata da tutti i Cataloghi è il 10 centesimi dei 1866 senza segno di zecca (cioè Parigi). Nel Pagani sopraccitato era considerata R2 (n.545), il Montenegro riprendendo dal Bobba la considera R5, il Catalogo Alfa dice R5 mentre il Catalogo Gigante, a mio parere a buona ragione, non la descrive ma annota: "Il Pagani cita un esemplare datato 1866 per Parigi, ma i pochi esemplari conosciuti risultano essere contraffatti, per cui si ritiene dubbia l'esistenza di tali monete." Anche il catalogo Varesi, che nell'edizione 1984 la elenca ma la definisce di dubbia esistenza, nell'edizione 1989 la elimina.

Qualcuno potrebbe dire che un 10 centesimi zecca di Parigi in conservazione BB è stato venduto da una nota casa d'aste italiana nei primi anni Ottanta, quindi la moneta esiste. La moneta, da una valutazione di 100.000 lire era stata regolarmente aggiudicata a 500.000, ma il giorno dopo veniva resa perché falsa. In questo caso gli operatori presenti, se lo avevano fatto, l'avevano esaminata in cerca di cancellature senza sospettarne la completa falsità.

Falsari e imbroglioni sono sempre pronti a soddisfare le richieste del mercato e perciò, con un colpo di bulino e di lima ecco, nascere quelle monete introvabili.

Negli anni Settanta cominciarono i dubbi che quelle monete da 10 centesimi del 1866 senza segno di zecca, sempre molto circolate, fossero monete alle quali avevano cancellato le lettere "M" o 'N" o "T". Allora, quando capitava una di queste monete, tutti si munivano di contafili per verificare che non ci fossero tracce di cancellatura (che invece c'erano puntualmente) e solo pochi rimanevano vittime di imbrogli. Nei primi anni ottanta appaiono sul mercato dei pezzi, alla vista sempre un poco bassi di conservazione, che all'osservazione attenta non presentavano alcun segno di lavorazione, tra i rami il piano era perfetto. Questi pezzi erano completamente falsi!

Ve ne descrivo uno:

Metallo: colore uguale alle monete da 10 cent. del periodo.

Diametro: quasi perfetto, scarso solo di 2 centesimi.

Spessore del bordo: più basso di 15-16 centesimi.

Spessore al centro: scarso di soli 2 centesimi.

Bordo o margine: più sottile e arrotondato sullo spigolo, i dentelli hanno pochissimo rilievo.

Disegno del dritto: la testa è povera di rilievo, baffi ed orecchio sembrano schiacciati ed il tutto da un'impressione di piatto.

Disegno del rovescio: i rami e il fiocco che li lega sono privi di particolari e scarsi di rilievo, i raggi che escono dalla stella iniziano troppo distanti.

Firma dell'incisore: i caratteri sono di corpo più sottile.

Data: corpo esatto ma scarso il rilievo.

Peso: gr 9,99 esatto nella tolleranza.

Il testo con le immagini si trova qui:

http://www.montevecchia.info/sito%5Ffalsi/

saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

latino

ciao, articolo interessante,grazie mille!!!! saluti

Latino ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Francesco Petrarca

il baffo è una spia importantissima, in questo ed in tutti gli altri casi

Perdonate l'ignoranza, ma di che si tratta?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×