Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
okt

la morte in diretta

Risposte migliori

okt

...oggi i cinesi travolti dal fiume, ieri gli otto morti investiti da un SUV, qualche anno fa una famosa impiccagione!

Ma quando riusciremo ad essere uomini e non solo animali, quando ci libereremo dagli sciacalli che trasformano in spettacolo la morte dei loro simili?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

quasar

Mai.

Una tessera di giornalista non si rifiuta a nessuno ed il risultato è questo.Sensazionalismo e scoop....ed un pubblico becero

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko8710

Mi permetto di rispondere con un secco e sincero: "Che schifo!".

Ripeto anche qua la stessa cosa scritta in un altro post poche ore fa: Censurano uno scoiattolo simpaticissimo che fa le puzzette e poi all'ora di pranzo, mentre mangio, devo vedermi i morti ammazzati con tanto di sangue e viscere che fuoriescono. Ma andassero tutti a coltivare le patate..........

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sandokan
Supporter

...oggi i cinesi travolti dal fiume, ieri gli otto morti investiti da un SUV, qualche anno fa una famosa impiccagione!

Ma quando riusciremo ad essere uomini e non solo animali, quando ci libereremo dagli sciacalli che trasformano in spettacolo la morte dei loro simili?

Visto che è così da quando esiste la memoria storica, dubito che il cambiamento avverrà a breve......purtropposad.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

417sonia
Supporter

Temo che sia insita nell'Uomo o quanto meno in una larga parte di Esso.

E' l'attrazione fatale della morte che si contrappone alla vita.

E' così da millenni ed è lo stesso stimolo che spingeva migliaia di persone ad entrare nel colosseo e nei vari anfiteatri sparsi per il mondo latino per vedere morire guerrieri e cristiani; lo stesso accadeva nei vari rituali di lotta asiatici o africani.

E' lo stesso stimolo che spingeva e spinge le persone addossarsi ai vari patiboli per vedere ghigliottinati, impiccati, fucilati e chi più ne ha ne metta.

Tutto il tempo fin qui trascorso, forse, ha mitigato un po' questo istinto e la cultura e la migliore educazione ci ha insegnato a rifuggere simili manifestazioni o, forse, ha fatto si che si smussassero un po' i nostri angoli di coscienza più becera, tanto da farci dire che tutto ciò non è corretto, ma questo è vero per tanti ma non per tutti.

Saluti

luciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cig

Parlando molto più commercialmente, credo che la Tv mostri ciò che la gente vuole vedere.

Non approvo certe scelte giornalistiche, ma sappiamo che per quella categoria i sentimenti, i valori, il rispetto per il dolore e la privacy non esistono. Cercano lo scoop in tutto e pur di fare il "pezzo che sfonda" calpestano qualunque principio.

Ma, ripeto, senza difenderli, credo che tutto questo sia agevolato e alimentato dalla richiesta del pubblico.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

bavastro

purtroppo vanno a cercare le disgrazie per "mandare la pubblicità" tra una e l'altra.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

DragoDormiente

Scusate, ma è più colpevole chi costruisce i palinsesti riempiendoli di cadaveri e sensazionalismo od il popolino che non chiede altro che cadaveri e sensazionalismo per parlarne al bar, dalla parrucchiera, su internet?

Io un pensierino su chi "l'informazione" la riceve lo farei, perché sarà anche vero che il pubblico è prodotto e soggiogato dal medium, ma la rivoluzione culturale dell'informazione dovrebbe cominciare da chi l'informazione la riceve, non tanto da chi la fa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alberto Varesi

Scusate, ma è più colpevole chi costruisce i palinsesti riempiendoli di cadaveri e sensazionalismo od il popolino che non chiede altro che cadaveri e sensazionalismo per parlarne al bar, dalla parrucchiera, su internet?

Io un pensierino su chi "l'informazione" la riceve lo farei, perché sarà anche vero che il pubblico è prodotto e soggiogato dal medium, ma la rivoluzione culturale dell'informazione dovrebbe cominciare da chi l'informazione la riceve, non tanto da chi la fa.

E' nato prima l'uovo o la gallina ?

Mah !

Certo é che moltissime persone, e mi ci metto anch'io tra queste, ne hanno le tasche piene di vedersi sbattere cadaveri e tragedie all'ora di pranzo....

Noi non abbiamo altra possibilità se non quella di spegnere la TV (non c'è scelta....sono tutti uguali): "loro" invece potrebbero scegliere per una linea editoriale meno cruenta.

Non si tratta di dare o non dare le informazioni, ma certi giornalisti che sbattono il microfono sotto il naso di persone alle quali sono appena morti dei parenti e chiedono "cosa prova".....andrebbero davvero mandati a pelar patate.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

1000Coins
Supporter

Ormai tanto tempo fa il Sig. G cantava:

C'è Un'aria

Dagli schermi di casa un signore raffinato

e una rossa decisa con il gomito appoggiato

ti danno il buongiorno sorridendo e commentando

con interviste e filmati ti raccontano a turno

a che punto sta il mondo.

E su tutti i canali arriva la notizia

un attentato, uno stupro e se va bene una disgrazia

che diventa un mistero di dimensioni colossali

quando passa dal video a quei bordelli di pensiero

che chiamano giornali.

C’è un’aria, un’aria, ma un’aria...

Ed ogni avvenimento di fatto si traduce

in tanti "sembrerebbe", "si vocifera", "si dice"

con titoli ad effetto che coinvolgono la gente

in un gioco al rialzo che riesce a dire tutto

senza dire niente.

C’è un’aria, un’aria, ma un’aria che manca

l’aria,

C’è un’aria, un’aria, ma un’aria che manca l’aria.

Lasciateci aprire le finestre,

lasciateci alle cose veramente nostre

e fateci pregustare l’insolita letizia

di stare per almeno dieci anni senza una notizia.

In questo grosso mercato di opinioni concorrenti

puoi pescarti un’idea tra le tante stravaganti

e poi ci sono le ricerche, tanti pensieri alternativi

che ti saltano addosso come le marche

dei preservativi.

C’è un’aria, un’aria, ma un’aria...

E c’è un gusto morboso del mestiere d’informare,

uno sfoggio di pensieri senza mai l’ombra di un dolore

e le miserie umane raccontate come film gialli

sono tragedie oscene che soddisfano la fame

di questi avidi sciacalli.

C’è un’aria, un’aria, ma un’aria

che manca l’aria.

C’è un’aria, un’aria, ma un’aria

che manca l’aria.

Lasciate almeno l’ignoranza

che è molto meglio della vostra idea di conoscenza

che quasi fatalmente chi ama troppo l’informazione

oltre a non sapere niente è anche più coglione.

Inviati speciali testimoniano gli eventi

con audaci primi piani, inquadrature emozionanti

di persone disperate che stanno per impazzire,

di bambini denutriti così ben fotografati

messi in posa per morire.

C’è un’aria, un’aria, ma un’aria...

Sarà che siete in preda di uno strano meccanismo

intervenire se conviene forse una regola del giornalismo

e quando c’è una guerra allora aumenta la richiesta

non aspettavate altro, vi sbizzarrite con talk-show

per voi diventa una festa.

C’è un’aria, un’aria, ma un’aria che manca

l’aria,

C’è un’aria, un’aria, ma un’aria che manca l’aria.

Lasciateci il gusto dell’assenza,

lasciatemi da solo con la mia esistenza

che se mi raccontate la mia vita di ogni giorno

finisce che non credo neanche a ciò che ho intorno.

Ma la televisione che ti culla dolcemente

presa a piccole dosi direi che è come un tranquillante

la si dovrebbe trattare in tutte le famiglie

con lo stesso rispetto che è giusto avere

per una lavastoviglie.

C’è un’aria, un’aria, ma un’aria...

E guardando i giornali con un minimo di ironia

li dovremmo sfogliare come romanzi di fantasia

che poi il giorno dopo e anche il giorno stesso

vanno molto bene per accendere il fuoco

o per andare al cesso.

C’è un’aria, un’aria, ma un’aria...

C’è un’aria, un’aria, ma un’aria...

C’è un’aria, un’aria, ma un’aria

che manca, che manca, che manca

l’aria.

Si potrà condividere o meno.....ma fa ancora pensare...

Ciao

M.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ART

e poi all'ora di pranzo, mentre mangio, devo vedermi i morti ammazzati con tanto di sangue e viscere che fuoriescono.

Non vorrei sembrare polemico ma questa specie di sacra tradizione di guardare telegiornali a pranzo o a cena non è obbligatoria e secondo me sarebbe anche una buona cosa cominciare a perderla, per almeno tre ragioni:

- per informarsi seriamente è necessario evitare di guardare tutti i più ascoltati TG

- esistono altri mezzi ingiustamente sottovalutati, come la radio, e canali che trasmettono news 24 h

- abbiamo Internet

Modificato da ART

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko8710

ART, lo dici a me?? Guarda, abito con i nonni e il mio ovviamente non se ne perde uno. Io fortunatamente non mi perdo solo quello dell'ora di pranzo.....a cena conquisto il telecomando.

Ovvio che reperisco notizie nelle maniere che hai sopracitato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sgtred

Si può, si può

si può, siamo liberi come l'aria, si può

siamo noi che facciam la storia, si può.

Si può, io mi vesto come mi pare, si può

sono libero di creare, si può

son padrone del mio destino, si può

posso mettermi un orecchino, si può.

Si può, fare critiche dall'esterno, si può

sputtanare tutto il governo, si può

non far uso dei congiuntivi, si può

siamo liberi e trasgressivi, si può.

Basta uno spunto qualunque e la nostra fantasia non ha confini

basta un pennello, un colore, e noi siamo pronti

a perpetuare la creatività dei popoli latini.

Si può, fare i giovani a sessant'anni, si può

regalare i blue-jeans ai nonni, si può

in ignobili trasmissioni, si può

schiaffeggiarsi come coglioni, si può.

Si può, far politica coi fumetti, si può

divertirsi con Andreotti, si può

con la satira che straripa, si può

fare il verso persino al papa, si può.

Con quella vena di razza italiana che è vivace e battagliera

è naturale che poi siamo noi che possiam cambiar tutto

a patto che si lasci tutto come era.

Si può, siamo liberi come l'aria, si può

siamo noi che facciam la storia, si può

libertà, libertà, libertà, libertà obbligatoria.

Sono assai cambiato, sono così spregiudicato

sono infedele, sono matto, posso far tutto.

Viene la paura di una vertigine totale

viene la voglia un po' anormale di inventare una morale…

utopia, utopia, utopia-pia-pia.

Si può, ignorare gli intellettuali, si può

fare il tifo per gli animali, si può

far la guerra per scopi giusti, si può

siamo autentici pacifisti, si può.

Per ogni assillo, rovello sociale, sembra che la gente goda

tutti che dicono la loro, facciamo un bel coro di opinioni

fino a quando il fatto non è più di moda.

Si può, rovesciare la notte e il giorno, si può

eccitarsi con un film porno, si può

patteggiare sulla galera, si può

ricantare "Faccetta nera", si può.

Si può, trasgredire qualsiasi mito, si può

invaghirsi di un travestito, si può

consultarsi con una strega, si può

farsi ognuno una bella lega, si può.

E in questa tua libertà illimitata di espressione e di parola

l'unica rivoluzione che noi abbiamo fatto

ha un difetto: è la rivoluzione della Coca-Cola!

Si può, siamo liberi come l'aria, si può

siamo noi che facciam la storia, si può.

[parlato:] Ma come? Con tutte le libertà che avete, volete anche la libertà di pensare?...

Utopia, utopia, utopia-pia-pia.

Libertà, libertà, libertà, libertà

libertà, libertà, libertà, libertà

libertà, libertà, libertà, libertà...

con i tg di B. non siamo liberi.

Modificato da sgtred

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sgtred

[error

Modificato da sgtred

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Liutprand
Supporter

Riconosco che si tratta di fare lo struzzo, ma da tempo, quando vedo i tg, ho il telecomando a portata di mano: ascolto solo notizie sul tempo, sul traffico e le poche notizie sul mondo della cultura, mentre tolgo l'audio quando si parla di cronaca nera e, ancor di più, di politica. Io mi difendo così.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sgtred

Riconosco che si tratta di fare lo struzzo, ma da tempo, quando vedo i tg, ho il telecomando a portata di mano: ascolto solo notizie sul tempo, sul traffico e le poche notizie sul mondo della cultura, mentre tolgo l'audio quando si parla di cronaca nera e, ancor di più, di politica. Io mi difendo così.

Scusa ma i Tg parlano ancora di politica?????

A si scusa, se togli il volume quando parla il signor B. (fai bene)

Meglio parlare di cronaca nera, di veline, sentire il meteo, sentire il traffico da bollino nero ecc.. ormai i Tg sono tutti su questa linea.

Tranquilli potete alzare/abbasare il volume che tanto non parleranno mai dei problemi sociali che stanno in ogni casa, precariato, cassa integrazione, disoccupazione, pensioni, sanità, lavoro ecc....

Alzate Voi il volume delle vostre voci non quelle dei telecomandi.

Modificato da sgtred

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

DragoDormiente

Riconosco che si tratta di fare lo struzzo, ma da tempo, quando vedo i tg, ho il telecomando a portata di mano: ascolto solo notizie sul tempo, sul traffico e le poche notizie sul mondo della cultura, mentre tolgo l'audio quando si parla di cronaca nera e, ancor di più, di politica. Io mi difendo così.

Scusa ma i Tg parlano ancora di politica?????

A si scusa, se togli il volume quando parla il signor B. (fai bene)

Meglio parlare di cronaca nera, di veline, sentire il meteo, sentire il traffico da bollino nero ecc.. ormai i Tg sono tutti su questa linea.

Non mi sembra che senza il signor B le cose fossero poi tanto diverse...

E poi, nel dubbio, c'é sembre Rai3, o SKYTG...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sgtred

Riconosco che si tratta di fare lo struzzo, ma da tempo, quando vedo i tg, ho il telecomando a portata di mano: ascolto solo notizie sul tempo, sul traffico e le poche notizie sul mondo della cultura, mentre tolgo l'audio quando si parla di cronaca nera e, ancor di più, di politica. Io mi difendo così.

Scusa ma i Tg parlano ancora di politica?????

A si scusa, se togli il volume quando parla il signor B. (fai bene)

Meglio parlare di cronaca nera, di veline, sentire il meteo, sentire il traffico da bollino nero ecc.. ormai i Tg sono tutti su questa linea.

Non mi sembra che senza il signor B le cose fossero poi tanto diverse...

E poi, nel dubbio, c'é sembre Rai3, o SKYTG...

Quoto.

ok è un forum di numismatica non di politica.

ma.......

Ok, tutti i tg sono stati lotizzati

ma ora c'è solo il lotto B.

ed non si può dare l'informazione ad una sola persona.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

DragoDormiente

Approfitto dell'off topic per fare una domanda in materia televisiva; tutti sanno almeno a grandi linee che TeleSilvio3 (meglio conosciuta come Rete4) per dieci anni è stata in lotta con la "tv fantasma" Europa 7, la quale da meno di un mese ha iniziato finalmente le trasmissioni non come tv libera ma come pay-tv in digitale terrestre con codifica DVB-T2 (non ricevibile da un normale decoder digitale terrestre). Ora, qualcuno di voi sa cosa diavolo trasmettono i 7 canali di questa nuova piattaforma a pagamento? Su internet si trova solo qualche informazione sui canali disponibili, ma niente di specifico sui contenuti che verranno trasmessi. Sono curioso perché tale nuova piattaforma (che si presenta come una tv rivoluzionaria, interamente in HD, sfruttando una innovativa tecnologia DVB per la quale è necessario un apposito decoder del costo "modico" di 149 €! e ricchissima di contenuti di grido) si affaccia sul mercato italico dove tutte le licenze delle trasmissioni più acclamate e seguite sono appannaggio dei soliti 3 (RAI, Mediaset e SKY). Qualcuno sa niente di questa novità?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sgtred

Ma stai scherzando!!!!

ti vuoi togliere il paraocchi istituzionale?

http://europa7.it/index.php

ma già lo conosci il sito.

e la pubblicità che non fanno passare sulle reti nazionali??? a si scusa meglio i detersivi.

per non parlare che dovresti eventualmente avere un'altro decoder!!!!!

http://www.ilsole24ore.com/art/tecnologie/2010-05-27/europa-cost-altissima-definizione-204700.shtml

più decoder più visibilità.

Questione di Monopoli Ciao.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Fufieno

Approfitto dell'off topic per fare una domanda in materia televisiva; tutti sanno almeno a grandi linee che TeleSilvio3 (meglio conosciuta come Rete4) per dieci anni è stata in lotta con la "tv fantasma" Europa 7, la quale da meno di un mese ha iniziato finalmente le trasmissioni non come tv libera ma come pay-tv in digitale terrestre con codifica DVB-T2 (non ricevibile da un normale decoder digitale terrestre). Ora, qualcuno di voi sa cosa diavolo trasmettono i 7 canali di questa nuova piattaforma a pagamento? Su internet si trova solo qualche informazione sui canali disponibili, ma niente di specifico sui contenuti che verranno trasmessi. Sono curioso perché tale nuova piattaforma (che si presenta come una tv rivoluzionaria, interamente in HD, sfruttando una innovativa tecnologia DVB per la quale è necessario un apposito decoder del costo "modico" di 149 €! e ricchissima di contenuti di grido) si affaccia sul mercato italico dove tutte le licenze delle trasmissioni più acclamate e seguite sono appannaggio dei soliti 3 (RAI, Mediaset e SKY). Qualcuno sa niente di questa novità?

Leggendo il libro di Travaglio (Ad Personam) ho scoperto quanti anni di proroga ha ricevuto Rete4 (che doveva essere spedita sul digitale, per far spazio ad Europa 7), durante i lunghi anni di governo di B. Povera Italia. :rolleyes:

Saluti,

Fuf.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cig

Ma stai scherzando!!!!

ti vuoi togliere il paraocchi istituzionale?

http://europa7.it/index.php

ma già lo conosci il sito.

e la pubblicità che non fanno passare sulle reti nazionali??? a si scusa meglio i detersivi.

per non parlare che dovresti eventualmente avere un'altro decoder!!!!!

http://www.ilsole24ore.com/art/tecnologie/2010-05-27/europa-cost-altissima-definizione-204700.shtml

più decoder più visibilità.

Questione di Monopoli Ciao.

Forse sarebbe il caso di darsi una calmata... no ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ghera

Ma stai scherzando!!!!

ti vuoi togliere il paraocchi istituzionale?

http://europa7.it/index.php

ma già lo conosci il sito.

e la pubblicità che non fanno passare sulle reti nazionali??? a si scusa meglio i detersivi.

per non parlare che dovresti eventualmente avere un'altro decoder!!!!!

http://www.ilsole24ore.com/art/tecnologie/2010-05-27/europa-cost-altissima-definizione-204700.shtml

più decoder più visibilità.

Questione di Monopoli Ciao.

Forse sarebbe il caso di darsi una calmata... no ?

Non mi sembra che B. sia l'unica causa dei problemi dell'Italia. Certamente gliene possiamo attribuire tanti (...), ma non credo che questo "problema televisivo" senza il Cav. sarebbe molto migliore <_<

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×