Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
gpittini

Traiano

Risposte migliori

gpittini

DE GREGE EPICURI

Oggi vi chiedo un aiuto su questo Traiano per Beroea. Al D intorno al ritratto c'è una lunghissima scritta, di cui riesco a decifrare solo: AYTOKR KAIC...VICT (o VIKT) (B?) GERM DAKO ARA (o ARM?)...Al rovescio, in triplice corona forse di ulivo, scritta su due righe: BEROI-AIWN, e sotto: B. Pesa 13,1 g. e misura 25 mm.

post-4948-0-20670800-1308252087_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

FlaviusDomitianus

La lettera B al rovescio indica come intuibile l'anno.

Su acsearch ci sono esemplari con la A e la H (http://www.acsearch.info/record.html?id=458056 - http://www.acsearch.info/record.html?id=449181).

BMC, di cui ho una copia scaricata dal web. con la lettera "B" elenca tre monete (4-5-6), la cui legenda del diritto dovrebbe essere: AYTOKP KAIC NEP TRAIANOC APICT CεB ΓεPM ΔAK ΠAPΘ

Non so dirti se e quali siano le differenze tra le tre, perché le mie tavole non sono leggibili.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tacrolimus2000

In generale non c'è certezza sul significato delle lettere presenti sulle emissioni delle zecche siriane in epoca imperiale.

Quello che è certo è che non indicano l'anno di regno e la zecca in questione non fa eccezione.

Si potrebbero fare diversi esempi, ma per rimanere al caso specifico, se si trattasse dell'anno, ci sarebbe un contrasto tra l'anno indicato al rovescio e le legende di dritto che recano titoli quali Optimus, Dacicus e Particus, titoli che Traiano ottenne (o utilizzò) dopo il 98 (A) o il 99 (B).

E' per questo motivo che Butcher scrive a pagina 439 del testo "Coinage in Roman Syria": "The coinage of Beroea is undated".

Luigi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini

DE GREGE EPICURI

Grazie per le risposte. E se le lettere fossero marchi di produzione?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tacrolimus2000

Cosa intendi per "marchi di produzione"?

Luigi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini

DE GREGE EPICURI

Intendo le "marcature di conio", come quelle presenti sui denari repubblicani del periodo intorno al 1° secolo a.C., che permettevano di risalire alle varie fasi di una emissione e quindi anche agli artigiani ed agli operai della zecca/officina.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tacrolimus2000

La cosa sarebbe singolare perchè queste lettere compaiono sui bronzi, ma non sulle tetradracme in argento.

Se si trattava di un sistema di controllo delle emissioni, perchè marcare il bronzo e non il ben più pregiato argento?

Infatti le marche di controllo a cui credo ti riferisci, appaiono sui denari, non sugli assi, semissi, quadranti, etc.

Le opinioni degli studiosi sono varie, ma nessuna spiega al 100% tutti i casi.

Sicuramente rappresentano il mezzo per marcare una sequenza, ma non c'è consenso su quale seguenza, sopratutto quando si guardano i casi particolari (alti numeri, gap nelle sequenze, 10 lettere in un anno, emissioni senza lettere, etc.) .

Luigi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×