Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal

Sono iniziati i lavori di aggiornamento della piattaforma, potrebbero verificarsi problemi sia sul forum che nei cataloghi.

Accedi per seguire questo  
gpittini

Aquilius Florus?

Risposte migliori

gpittini

DE GREGE EPICURI

Ho questo bronzetto da molti anni, ma non sono mai riuscito a classificarlo (forse non mi sono sforzato più che tanto...) L'ho sempre considerato una imitazione antica (o una falsificazione) di un denario o di un aureo del periodo augusteo, ma forse non è così. Il R richiama sicuramente delle monete auree o argentee a nome dei triumviri (del 20 a.C) Petronius Turpilianus e Caninius Gallus. Al D una testa radiata, che fa pensare alla divinità solare ed è presente in varie monete bronzee provinciali della Sicilia Romana (es. Entella). La moneta pesa 3,3 g. e misura 18 mm. Al D attorno alla testa radiata: a sinistra III VIR, a destra forse ...ILIUS FLORUS (AQUILIUS FLORUS), anche lui triumviro nel 20 a.C. Al R: barbaro in ginocchio verso dx, offerente un vessillo; le scritte purtroppo sono illeggibili. Qualunque ipotesi è benvenuta!

post-4948-0-09898900-1309030478_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini

Rovescio. Forse si legge (ore 20) ..RESTI...

post-4948-0-81892800-1309030532_thumb.jp

Modificato da gpittini

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini

DE GREGE EPICURI

Grazie a Tacrolimus, penso di averla individuata. Corrisponde al denario di Augusto C358 e RIC 304, raro. Il monetiere è in effetti proprio AQUILIUS FLORUS, il cui nome compare integralmente (anno 19 a.C.) Il mio esemplare, che è di puro rame, potrebbe essere il nucleo di un suberato che ha completamente perduto l'Ag. Comparsa in asta: http://www.acsearch.info/record.html?id=58716

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grigioviola

al rovescio si legge anche [...] GN R [...] ESAR [...]

le tre lettere gnr sono all'esergo.

sicuramente si rifà al denaro di Augusto. non ho mai visto un nucleo di suberato "puro", senza il rivestimento argenteo (non è troppo "perfetto" per essere un nucleo di suberato?)... non ho idea quindi se possa essere effettivamente ciò che rimane di un suberato oppure un tentativo di falsificazione-riproduzione antica (quanto antica?), dalla foto parrebbe coniato e quindi propendo per una qualche ipotesi coeva all'esistenza del tipo originale.

sicuramente è un esemplare interssante!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×