Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
Arka

Tremissi di Ravenna del VI-VII sec.

Risposte migliori

Arka

Ho notato che molto spesso le case d'asta chiamano barbarici la maggior parte dei tremissi che vanno da Giustino II a Eraclio e che hanno una fattura ''italica''. Rarissime sono le volte in cui tali tremissi vengono attribuiti alla zecca di Ravenna.

E' una questione che si ripete con altre persone appassionate di questo periodo, dove continuo a sentire pareri contrastanti fra i fautori della produzione di Ravenna e coloro che sostengono la tesi barbarica.

Volevo sapere se qualcuno di voi aveva un metodo per distinguere con una certa sicurezza i tremissi coniati a Ravenna dalle coeve imitazioni barbariche.

Arka

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciosky68
Supporter

ne sò poco percui seguirò con interesse la tua discussione.

nel frattempo cerco qualcosa che possa servire.

ciao R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Arka

Grazie Ciosky68... Immaginavo che fosse un argomento difficile, ma speravo che qualcuno avesse già un'idea...

Arka

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa

Sicuramente attribuibili a Ravenna sono i tremissi di Astolfo (744-756), con ritratto oltre ai bellissimi follis. Si distinguono anche perche hanno una raffigurazione del sovrano longobardo simile alla ritrattistica bizantina del periodo.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Arka

Grazie Numa Numa. Ci sono alcune monete sicuramente attribuibili a Ravenna e quelle di Astolfo sono tra queste. Il mio (e forso non solo mio) problema sono i tremissi coniati a Ravenna dopo la riconquista dei bizantini che furono sicuramente presi a modello dalle popolazioni barbariche (Longobardi in primis) per le loro monete. Ora spesso, a mio avviso, vengono confusi i modelli con le imitazioni. Un po' per la difficoltà di distinzione, un po' perchè ci si marcia sopra (spesso la possibilità che sia barbarica aumenta il valore della moneta).

Un esperto collezionista mi diede un suggerimento. I tremissi ricchi di pallini (anche nel finale degli elementi incisi) sono sicuramente Longobardi. Mi chiedevo se questo possa essere considerato un criterio di distinzione sicuro...

E se ce ne sono altri.

Arka

Modificato da Arka

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Arka

A distanza di sette mesi i miei dubbi continuano... come continua la speranza che qualcuno possa illuminarmi...

Arka

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

magdi

Un esperto collezionista mi diede un suggerimento. I tremissi ricchi di pallini (anche nel finale degli elementi incisi) sono sicuramente Longobardi. Mi chiedevo se questo possa essere considerato un criterio di distinzione sicuro...

Perché un tremisse ricco di bisanti dovrebbe essere attribuibile ai Longobardi ??? O.o

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rick2

da quel poco che so anche piu` a est ci son gli stessi problemi con l attribuzione tra bizantine e arabo bizantine

purtroppo la qualita` delle emissioni di quel periodo e` cosi` scarsa che non penso si sia ancora arrivati ad una classificazione certa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×