Jump to content

Recommended Posts

Circa 9 anni fa comprai la mia prima moneta "seria" dello stato pontificio.

Si trattava di una 1/2 piastra di Papa Innocenzo XII "NON SIBI SED ALIIS" 1693 (leggermente più comune di quella del '92). La pagai 135€.

Da quel momento "caddi in amore" con le piastre ed i testoni seicenteschi. Non so come abbia fatto a non accorgermene sinora (e devo dire che un po' me né vergogno 😂) che questa moneta era stata appiccagnolata e riparata anche in maniera grossolana. Credo che per il prezzo che la pagai, tale acquisto possa esser comunque considerato conveniente, tuttavia mi ha fatto abbastanza dispiacere scoprire che quelli che il rivenditore chiamo "lievi errori di conio" erano frutto del tentativo di restauro di qualche gioielliere maldestro.

Scusate se le immagini possano risultare sfuocate ma ho avuto problemi nel caricarle in alta definizione.

IMG_0522.thumb.JPG.81eb7fde5b1c83a720c702ddeacaa6af.JPG

Vi é mai successo qualcosa del genere in passato?

Edited by Martin_Zilli
Link to comment
Share on other sites


Altrochè,

Io ho comprato una piastra che ha il contorno rugoso ( da circolazione) ma a ore 12 è invece bello liscio. 

Risultato : non compro più monete papali e dalla casa d'aste che me la vendette non ho più comprato e non comprerò più niente.

Link to comment
Share on other sites

A me una volta é capitato, per fortuna colleziono monete solo da 2 anni quindi credo sia "perdonabile" ma mi é stato venduto in un'asta un testone per 110 euro dove non si vedeva l'appiccagnolo composto visto che le immagini delle monete vengono spesso ritagliate su i listini. 

Comunque non lo menzionava nella descrizione.

Link to comment
Share on other sites


Certo che si, il primo Testone che ho comprato era fortemente tosato, ma era la prima volta che mi affacciavo a monete di questa tipologia..e il diffetto non era segnalato! Va accettata come una lezione, a me è stata molto utile..una bastonatina che mi ha fatto acquisire un po' più di consapevolezza  (e un po' di "sana diffidenza") quando decido di fare qualche acquisto in questo campo

Link to comment
Share on other sites


@Sixtus85 , oggi ho comprato questa piastra da internet e spero non avrà alcuna brutta sorpresa …

Secondo te quella lieve coca sul centro si tratta di un errore di conio o di qualcos'altro accaduto alla moneta ? A me da l'impressione che sia stata piegata per poi esser riportata alla sua forma originale ma comunque la ho pagata veramente poco quindi non mi lamento.

IMG_0537.thumb.JPG.0a4666a40534f18a35d7f734cf280b42.JPG

Link to comment
Share on other sites


@Martin_Zilli buonasera, quella "conca" al centro del rovescio credo proprio sia una classica mancanza di metallo. Quindi un difetto di produzione, non una manomissione. 

Piegata e riportata alla forma originale? Direi proprio di no. Già piegare una piastra sarebbe un bel problema, poi raddrizzarla senza lasciar segni... 

Potrebbe invece essere stato rimosso il "solito" appiccagnolo posto a ore 12 del rovescio come si denota dal bordo molto usurato ed uniforme. 

Antonio

 

PS dimenticavo... anche io agli inizi ho preso qualche sola! :D Poi dagli errori si impara.

Edited by anto R
Link to comment
Share on other sites


Su l'ultima piastra fatico a notare per le foto non ottimali possibili tracce di appiccagnolo. Poi definire lievi difetti di conio i problemi presenti sul primo testone postato è davvero una bufala... Comunque il prezzo pagato seppur riferito ad un acquisto di 9 anni fa è abbastanza buono. Chi di noi non ha sbagliato agli inizi ? Io comprai testoni fortemente tosati o con foro otturato non dichiarato.... Saluti.

Link to comment
Share on other sites


La piastra che ho postato non credo abbia mai avuto alcun appiccagnolo e penso che i dubbi di Antonio siano stati causati per via della foto di bassissima qualità ritagliata maldestramente  tuttavia sembra che presenti un lieve errore di conio (come detto da @anto R).

La prima moneta che ho postato si tratta di una 1\2 piastra con foro riempito... Ancora non sapevo molto di numismatica quindi  per il negoziante é stato molto facile ingannarmi.

@sixtus78 Anche io ho notato che molto spesso i negozianti non tendono ad avvertire i compratori di eventuali appiccagnoli aggiustati.

Edited by Martin_Zilli
Link to comment
Share on other sites


Non si tratta di monete papali ma il mio primo acquisto costoso furono 100 lire carlo alberto. Pagate 1800 euro in condizioni spl arrivato a casa le osservo meglio e noto un colpo che mi era sfuggito''da allora le monete le guardo molto pignolamente e  mi prendo tutto il tempo che mi serve'' le rivendo allo stesso negoziante che me le paga 1500 e perdo 300 euro. Dopo poco le rivedo in vendita come qspl a 1350 euro. Della serie anche alcuni periti le monete le periziano alla zio c..e!

Link to comment
Share on other sites


Nelle papali 1500/1800 il 70% sono appiccagnolata,ora dipende da come viene tolto e l'usura riportata. Spesso si nota un usura identica omogenea su tutta la faccia,spesso più su di una e meno sull'altra, della moneta e no solo in alcuni punti come da circolazione, per via dello sfregamento sui vestiti.

Mi capitò con un Dena,una volta arrivato si notava benissimo la rimozione dal contorno e non era riportato nella descrizione . La casa d'asta per fortuna lo riprese indietro. Più spesso capita che monete classificate in una conservazione e in foto sembrano cosi una volta in mano sono almeno mezzo punto sotto. In compenso alcuni tondelli sono risultati migliori di quello che sembravano.

Edited by favaldar
Link to comment
Share on other sites


a proposito io ho una moneta che ha avuto un apicagnolo mi hanno detto che il metallo del apicagnolo rimosso fonde ad un a temperatura piu' bassa del argento togliendo ogni traccia del apicagnolo. Torna a qualcuno questo? Conoscete qualche gioielliere o esperto metallurgico che fa questi lavori con qualita'?

marco

Link to comment
Share on other sites


2 ore fa, Martin_Zilli dice:

Accidenti @Devant81! Mi dispiace.

A me una volta successe una cosa del genere con una moneta molto meno costosa (un Marengo di Umberto I) che mi é stata venduta come fdc quando in realtà aveva evidenti colpi sul bordo.

Tutta arte che entra.....o meglio esperienza☺️

Link to comment
Share on other sites


Ciao @Martin_Zilli,

dalla foto si fa veramente fatica a valutare eventuali difetti, è un po' sfuocata e non ho moltissima esperienza per poter giudicare.

Per quanto riguarda le occasioni che si trovano in internet, io personalmente diffido quando vedo piastre messe in vendita con prezzi inferiori ai 250€ (e anche 300€). In tal caso do quasi per scontato che il difetto (appiccagnolo/montatura rimossi o appiccagnolo) ci sia anche se non dichiarato.

Per le piastre che ho acquistato finora mi sono rivolto a dei numismatici qualificati, con perizia allegata, probabilmente pagandole un po' di più di quanto si può trovare in aste on-line ma probabilmente avendo qualche garanzia in più.

Per quanto riguarda i testoni che colleziono io (quelli coniati "a martello") mi faccio meno problemi, il difetto più comune credo sia la tosatura , più facile da riconoscere (correggetemi se sbaglio).

 

Edited by Sixtus85
Link to comment
Share on other sites


Per fortuna le monete pontificie inferiori al 1650 venivano usate come ciondoli veramente di rado quindi molte meno di esse sono state danneggiate in tal modo. Io avrò si e no una decina di testoni "coniati a martello" e di fatto nessuno di essi presenta tracce di montatura, differentemente da quelli un po' più recenti dove la maggior parte di quelli in mio possesso ne ha o ne ha avuta una. @Sixtus85

Link to comment
Share on other sites


12 minuti fa, Martin_Zilli dice:

Per fortuna le monete pontificie inferiori al 1650 venivano usate come ciondoli veramente di rado quindi molte meno di esse sono state danneggiate in tal modo. Io avrò si e no una decina di testoni "coniati a martello" e di fatto nessuno di essi presenta tracce di montatura, differentemente da quelli un po' più recenti dove la maggior parte di quelli in mio possesso ne ha o ne ha avuta una. @Sixtus85

Stai coprendo un periodo storico molto ampio , su che secoli ti stai focalizzando?

Io ho deciso di concentrarmi nel centennio 1550 - 1650, con l'obiettivo di avere una moneta in argento per i pontefici principali (mi han già detto che per alcuni è praticamente impossibile trovare qualcosa) eccetto per il grande Urbano VIII per cui voglio avere qualcosa in più (ad esempio Piastre).

Per quanto riguarda gli appiccagnoli il problema sembrerebbe essere minore, c'è qualche piastra di Urbano VIII che purtroppo ne è affetta.. @Martin_Zilli

Edited by Sixtus85
Link to comment
Share on other sites


Io mi sto focalizzando sulle monete pontificie dal 1650 fino al 1770 circa. Le mie monete sono principalmente di papà Innocenzo XI e Innocenzo XII senza contare la mia passione per quelle della sede vacante.

@Sixtus85

PS: Recentemente ho iniziato a fare anche Pio IX.

Edited by Martin_Zilli
Link to comment
Share on other sites


Queste sono state tra le mie prime monete di una sede vacante. Fortunatamente ora ho uno scudo ,1/2 scudo ed un grosso in condizioni migliori tuttavia mi ricordo che quando scoprii che lo zecchino di questa "serie" era una delle monete più rare di tutto il pontificato moderno  ci rimasi malissimo : compresi che non avrei mai completato il "set"😂 @Sixtus85.

IMG_0660.thumb.PNG.62e4b983b1afe07aead1286884f6ee3c.PNG

Edited by Martin_Zilli
Link to comment
Share on other sites


Devo essere l'unico squilibrato cui le montature non dispiacciono. Le vedo come segni della storia - un po' come la patina -, testimonianza della devozione di altri uomini verso la mia moneta, riuso e reinterpretazione dell'oggetto (e quindi fattori culturali). 

Va inteso che a me la numismatica interessa esclusivamente per il suo valore storico-culturale, infatti non cerco le alte conservazioni.

Non dico di PREFERIRE le monete con montatura, ma se è presente non me ne faccio un cruccio.

Link to comment
Share on other sites


Anch'io ho monete con app. presente o asportato. Ne ho anche di bucate  quasi tutte le klippe di Salisburgo hanno app. e fori otturati e non .

Non ci fa più caso nessuno.

Ma la discussione verteva su quelli che ti rifilano una moneta con app. o montatura senza scriverlo.

1587 1612 mezzo ttk r.jpg

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...
Il 26/3/2017 at 10:19, Gallienus dice:

Devo essere l'unico squilibrato cui le montature non dispiacciono. Le vedo come segni della storia - un po' come la patina -, testimonianza della devozione di altri uomini verso la mia moneta, riuso e reinterpretazione dell'oggetto (e quindi fattori culturali). 

Va inteso che a me la numismatica interessa esclusivamente per il suo valore storico-culturale, infatti non cerco le alte conservazioni.

Non dico di PREFERIRE le monete con montatura, ma se è presente non me ne faccio un cruccio.

Non credo che la questione posta in questo thread del Forum (e in numerosi altri) riguardi la contrarietà o meno nei confronti delle montature, che possono costituire come dici tu - forse e per alcuni - anche una testimonianza devozionale (se si parla di monete papali peraltro perché in tutti gli altri casi l'intento religioso non lo vedo proprio ed è invece solo ornamentale).

Mi sembra invece che qui si tratti del danno commerciale che l'appiccagnolo crea alle monete che invece è solo ed esclusivamente un vulnus, frutto di chi ignora il valore delle stesse, e soprattutto di quando siffatto danno (che sovente si accompagna anche a ritocchi, che peggiorano solo la situazione) viene scoperto dopo l'acquisto. Per me è francamente una cosa odiosa. 

Link to comment
Share on other sites


l'appiccagnolo (come il foro) è odioso, ma ancor più odioso chi vende una moneta senza avvisare!

33 minuti fa, min_ver dice:

Non credo che la questione posta in questo thread del Forum (e in numerosi altri) riguardi la contrarietà o meno nei confronti delle montature, che possono costituire come dici tu - forse e per alcuni - anche una testimonianza devozionale (se si parla di monete papali peraltro perché in tutti gli altri casi l'intento religioso non lo vedo proprio ed è invece solo ornamentale).

Mi sembra invece che qui si tratti del danno commerciale che l'appiccagnolo crea alle monete che invece è solo ed esclusivamente un vulnus, frutto di chi ignora il valore delle stesse, e soprattutto di quando siffatto danno (che sovente si accompagna anche a ritocchi, che peggiorano solo la situazione) viene scoperto dopo l'acquisto. Per me è francamente una cosa odiosa. 

 

Link to comment
Share on other sites


2 minuti fa, galaad dice:

l'appiccagnolo (come il foro) è odioso, ma ancor più odioso chi vende una moneta senza avvisare!

 

Non c'è dubbio! Odioso e disonesto. 

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.