Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
adolfos

monete bizantino-papali

Risposte migliori

adolfos

Salve a tutti

E' la prima volta che intervengo in questa sezione e ci entro in punta di piedi non essendo affatto esperto sulle monete bizantine.Molti anni orsono mi sono trovato tra le mani una siliqua.Dopo vari tentativi di classificazione venne identificata come moneta bizantina -papale nei nominativi Giustiniano II e Papa Sergio.E fu cosi' che un Unico divento' improvvisamente un R5.Ma questa e' un'altra storia.Ora dopo molti anni e sono diventato una persona seria :) mi piacerebbe sapere qualcosa di piu' sulla storia ed il significato di questa tipologia monetale apparentemente dimenticata,almeno credo.Non credo vi sia posto migliore di questo per soddisfare i miei interrogativi.So' che non e' la serata giusta ma io sapro' aspettare con fiducia.Colgo l'occasione per fare a tutti i miei migliori Auguri.

Grazie. Adolfos

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rcamil

Ciao, l'argomento delle prime monete papali, comprese le coniazioni con gli imperatori bizantini era stato trattato tempo fa in questa discussione all'interno della sezione Monete Pontificie:

http://www.lamoneta....ete-pontificie/

Sarebbe interessante vedere un'immagine della tua moneta, data la sua rarità :)

Ricambio gli auguri per un sereno 2010.

Ciao, RCAMIL.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adolfos

Ti ringrazio per il rapido intervento.Purtroppo la moneta prese il volo in men che non si dica! In quel periodo a tutto pensavo meno che allo studio di cio' che avevo e quindi neanche una foto mi e' rimasta.Comunque puoi vedere l'Unico all'asta CNG n.54 n.2005.Vado a vedere la discussione che mi hai indicato e spero di trovarci delle informazioni interessanti.Grazie di nuovo e a presto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adolfos

Nella discussione che mi hai indicato numa allegata la moneta in questione!Sono sempre piu' stupefatto dalle capacita' dei lamonetiani!!!Grazie!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adolfos

Ho letto tutta la discussione che studiero' con piu' attenzione in seguto.Sono senza parole!Penso che l'argomento meriterebbe almeno un articolo online per non farlo cadere nel dimenticatoio!Mi ricordo ,quando avevo la mia moneta,che mi colpi' il fatto dell'effige papale presente abbinata al monogramma bizantino!Un riconoscimento da parte dell'Impero bizantino al Potere papale penso molto importante per il periodo.Comunque grazie di nuovo!!!!Ciao.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paleologo

Per chi è interessato a questa fase della storia di Roma può essere molto interessante una visita al museo della Crypta Balbi, che contiene una ricca documentazione su Roma bizantina (monete incluse). Tra l'altro si capisce perfettamente che a Roma, grazie ai bizantini che pure in Italia non hanno mai goduto di buona stampa, l'arrivo dei "tempi oscuri" fu ritardato almeno fino all'VIII secolo, al momento cioè in cui, a causa delle invasioni arabe, Bisanzio perse il dominio del mare e non fu più in grado di assicurare il mantenimento delle linee di comunicazione militari e commerciali con Roma (c'è un pannello illuminante in cui si vede come le anfore che fino a un certo punto avevano forme caratteristiche di tutto il Mediterraneo, improvvisamente cominciano ad arrivare tutte e solo dalla Sicilia)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adolfos

Sempre prezioso ,grazie.

Ora tutto mi e' piu' chiaro .L'unico interrogativo che ancora mi pongo e' :l'abbinamento (rivoluzionario) Papa (con effige) a monogramma bizantino imperiale a chi e' convenuto ,visto i pessimi rapporti tra le due fazioni in quel tempo?Motivi socio-culturali o politici -economici? O altro? Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rob

Leggendo di Papa Sergio I su Wikipedia mi sono fatto l'idea di una persona abile e politicamente molto accorta. Al tempo Roma era sotto il controllo di Costantinopoli, ma il contrasto con l'imperatore Giustiniano II si fece piuttosto intenso. In quell'occasione fu impossibile all'imperatore far valere la sua autorità sul papa a causa della ribellione di Roma, della Pentapoli e del Ravennate. Di fronte ad uno scenario di questo genere è credibile che il Papa abbia posto la sua effige sulle monete di Roma, mantenendo però il monogramma imperiale: un Papa dall'ego forte ha dato dimostrazione di autonomia dall'Imperatore, ma prudentemente non ha voluto dichiararsi indipendente - un po' perché non gli conveniva cercare lo scontro militare aperto, che probabilmente non sarebbe riuscito a vincere, e soprattutto perché lo status di territorio soggetto a Bisanzio conferiva una certa protezione da vicini turbolenti. La situazione di Venezia fu per molti versi simile: l'appartenenza all'impero bizantino fu l'unico motivo per cui la laguna veneta non fu mai integrata politicamente nell'impero di Carlo Magno, ed i veneziani giocarono abilmente per secoli sull'ambiguità del loro status politico. Il Papa aveva la carta dell'autorità religiosa da giocare, perciò la strategia politica di lungo respiro del papato prese altre strade rispetto a quella veneziana.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paleologo

Aggiungo solo due commenti: 1) i rapporti erano sicuramente pessimi soprattutto per via dell'iconoclastia, ma concordo pienamente sul fatto che finché Bisanzio era in grado di assicurare protezione dai Longobardi e salvaguardia delle linee commerciali, era preferibile politicamente mantenere lo status quo. La storia cambia a partire dall'VIII secolo: l'Italia è isolata, come detto sopra, il papa si rivolge ai Franchi ed ecco che il suo nome compare assieme agli imperatori del SRI anziché a quelli bizantini 2) la condivisione o la coesistenza di diversi livelli di sovranità era normale nel Medioevo, tanto che il privilegio di zecca era concesso con relativa facilità pur essendo uno degli attributi fondamentali del potere. A noi pare strano ma la presenza di più sovrani sulle monete medievali è un fatto decisamente comune. Io credo che su queste monete il papa compaia a tutti gli effetti come sovrano temporale (assimilabile a un alto dignitario nell'organizzazione bizantina o a un "conte" in quella carolingia) dotato di una funzione sussidiaria rispetto all'imperatore. Alla lotta per le investiture mancava ancora parecchio :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adolfos

Grazie per le preziose informazioni.Peccato non averla ancora! :(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa
Supporter

Sempre prezioso ,grazie.

Ora tutto mi e' piu' chiaro .L'unico interrogativo che ancora mi pongo e' :l'abbinamento (rivoluzionario) Papa (con effige) a monogramma bizantino imperiale a chi e' convenuto ,visto i pessimi rapporti tra le due fazioni in quel tempo?Motivi socio-culturali o politici -economici? O altro? Ciao

L'effige (il ritratto) è dell'imperatore bizantino e il monogramma invece del papa.

I raaporti potevano anche essere pessimi ma sta di fatto che Roma (e buona parte - se non tutta - dell'Italia era sottoposta al potere, nominale, di Bisanzio. Non dimentichiamo che tutti i sovrani Goti, succedutisi dopo la caduta dell'impero, battono moneta a nome degli imperatori d'oriente e utilizzano la medesima metrologia (solidus, tremissis, siliqua..).

I longobardi, gli unici altri a battere moneta nel Vii/VIII secolo in Italia, dapprima battono moneta a nome dell'imperatore Maurizio Tiberio, successivamente si affrancano ma seguono comunque la metrologia (terzo di soldo d'oro) unaugurata dai bizantini.

Sarà solo l'intervento di Carlo Magno che di fatto affranca Roma da Bisanzio, conquistando mezza Italia, a cambiare radicalmente il sistema monetario con l'introduzione del denaro (e del soldo come moneta di conto). Il pontefice Adrano I sarà il primo a battere la nuova moneta, a proprio nome, che si distaccherà dalla nomenclatura bizantina che aveva governato l'emissione di moneta a Roma fino a quel momento.

numa numa

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adolfos

E' evidente che partivo con il piede sbagliato!!!!Non riuscivo a spiegarmi infatti l'iconografia papale e la ritenevo un'eventualita' piuttosto improbabile.dato il rapporto non proprio idilliaco tra le due Autorita'.Cosi' quadra il tutto. :( Grazie di nuovo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×