Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Littore

approfondimento Prove in piombo

Risposte migliori

Littore

Durante la compilazione di alcune schede, nella sezione Prove e progetti della Zecca, nel catalogo on line, mi è venuto questo dubbio: ma le "prove" in piombo di alcune monete (es 100 lire 1912, 50 lire 1912, 20 lire 1908, 20 lire 1912 ) sono davvero prove, oppure sono delle coniazioni non ufficiali (tesi di Forteleoni)?
Secondo voi vanno inserite nel catalogo?
Saluti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ghera

A mio parere si, perchè sempre di prove si tratta, ma non me ne intendo (ancora) quindi non sono sicuro... :rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guest utente3487

No, non sono prove. Generalmente si tratta delle impronte da destinare all'Archivio di Stato, destinatario di due pezzi in piombo per ciascuna moneta, anche con stesse impronte ma con millesimo diverso.Il fatto è che ogni volta vengono battuti più pezzi in piombo e poi si scelgono i due migliori. I rimanenti dovrebbero poi andare distrutti ma così spesso non avviene. Presso l'Archivio Centrale le impronte in piombo sono sparite tutte, per la guerra, per cataclismi vari e per incuria....Il tutto è ovviamente stato oggetto di informativa al Ministero, all'A.G. e all'IPZS ma come sappiamo colpevoli non ce ne sono...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Littore

No, non sono prove. Generalmente si tratta delle impronte da destinare all'Archivio di Stato, destinatario di due pezzi in piombo per ciascuna moneta, anche con stesse impronte ma con millesimo diverso.Il fatto è che ogni volta vengono battuti più pezzi in piombo e poi si scelgono i due migliori. I rimanenti dovrebbero poi andare distrutti ma così spesso non avviene. Presso l'Archivio Centrale le impronte in piombo sono sparite tutte, per la guerra, per cataclismi vari e per incuria....Il tutto è ovviamente stato oggetto di informativa al Ministero, all'A.G. e all'IPZS ma come sappiamo colpevoli non ce ne sono...

Quindi nel catalogo secondo lei non andrebbero inserite?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

niko

No, non sono prove. Generalmente si tratta delle impronte da destinare all'Archivio di Stato, destinatario di due pezzi in piombo per ciascuna moneta, anche con stesse impronte ma con millesimo diverso.Il fatto è che ogni volta vengono battuti più pezzi in piombo e poi si scelgono i due migliori. I rimanenti dovrebbero poi andare distrutti ma così spesso non avviene. Presso l'Archivio Centrale le impronte in piombo sono sparite tutte, per la guerra, per cataclismi vari e per incuria....Il tutto è ovviamente stato oggetto di informativa al Ministero, all'A.G. e all'IPZS ma come sappiamo colpevoli non ce ne sono...

Quindi nel catalogo secondo lei non andrebbero inserite?

A mio parere dovrebbe essere cmq inserite con la dizione "impronta in Pb della moneta da ...".

Saluti,

N.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guest utente3487

No, non sono prove. Generalmente si tratta delle impronte da destinare all'Archivio di Stato, destinatario di due pezzi in piombo per ciascuna moneta, anche con stesse impronte ma con millesimo diverso.Il fatto è che ogni volta vengono battuti più pezzi in piombo e poi si scelgono i due migliori. I rimanenti dovrebbero poi andare distrutti ma così spesso non avviene. Presso l'Archivio Centrale le impronte in piombo sono sparite tutte, per la guerra, per cataclismi vari e per incuria....Il tutto è ovviamente stato oggetto di informativa al Ministero, all'A.G. e all'IPZS ma come sappiamo colpevoli non ce ne sono...

Quindi nel catalogo secondo lei non andrebbero inserite?

A mio parere dovrebbe essere cmq inserite con la dizione "impronta in Pb della moneta da ...".

Saluti,

N.

Concordo. Bisogna poi tenere presente che non è difficile ricavare una impronta in piombo da una moneta.....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ghera

No, non sono prove. Generalmente si tratta delle impronte da destinare all'Archivio di Stato, destinatario di due pezzi in piombo per ciascuna moneta, anche con stesse impronte ma con millesimo diverso.Il fatto è che ogni volta vengono battuti più pezzi in piombo e poi si scelgono i due migliori. I rimanenti dovrebbero poi andare distrutti ma così spesso non avviene. Presso l'Archivio Centrale le impronte in piombo sono sparite tutte, per la guerra, per cataclismi vari e per incuria....Il tutto è ovviamente stato oggetto di informativa al Ministero, all'A.G. e all'IPZS ma come sappiamo colpevoli non ce ne sono...

Quindi nel catalogo secondo lei non andrebbero inserite?

A mio parere dovrebbe essere cmq inserite con la dizione "impronta in Pb della moneta da ...".

Saluti,

N.

Concordo. Bisogna poi tenere presente che non è difficile ricavare una impronta in piombo da una moneta.....

Grazie per la correzione ;) Sbagliando si impara :rolleyes:

Lorenzo

- Niko, hai visto la mia mail? :unsure:

Modificato da Ghera

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

jena

No, non sono prove. Generalmente si tratta delle impronte da destinare all'Archivio di Stato, destinatario di due pezzi in piombo per ciascuna moneta, anche con stesse impronte ma con millesimo diverso.Il fatto è che ogni volta vengono battuti più pezzi in piombo e poi si scelgono i due migliori. I rimanenti dovrebbero poi andare distrutti ma così spesso non avviene. Presso l'Archivio Centrale le impronte in piombo sono sparite tutte, per la guerra, per cataclismi vari e per incuria....Il tutto è ovviamente stato oggetto di informativa al Ministero, all'A.G. e all'IPZS ma come sappiamo colpevoli non ce ne sono...

Quindi nel catalogo secondo lei non andrebbero inserite?

A mio parere dovrebbe essere cmq inserite con la dizione "impronta in Pb della moneta da ...".

Saluti,

N.

daccordissimo!! :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

niko

No, non sono prove. Generalmente si tratta delle impronte da destinare all'Archivio di Stato, destinatario di due pezzi in piombo per ciascuna moneta, anche con stesse impronte ma con millesimo diverso.Il fatto è che ogni volta vengono battuti più pezzi in piombo e poi si scelgono i due migliori. I rimanenti dovrebbero poi andare distrutti ma così spesso non avviene. Presso l'Archivio Centrale le impronte in piombo sono sparite tutte, per la guerra, per cataclismi vari e per incuria....Il tutto è ovviamente stato oggetto di informativa al Ministero, all'A.G. e all'IPZS ma come sappiamo colpevoli non ce ne sono...

Quindi nel catalogo secondo lei non andrebbero inserite?

A mio parere dovrebbe essere cmq inserite con la dizione "impronta in Pb della moneta da ...".

Saluti,

N.

daccordissimo!! :D

Ciao Jena! Che piacere risentirti! smile.gif

Allora siamo d'accordo sul come definirle nel Catalogo... biggrin.gif

Concordo. Bisogna poi tenere presente che non è difficile ricavare una impronta in piombo da una moneta.....

Purtroppo...

Saluti,

N.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

picchio

tutti d'accordo che ricavare impronte in piombo da una moneta è un gioco da ragazzi, bene ... e come si fa ?

La moneta è in positivo e l' impronta è in positivo, quindi dalla moneta bisogna passare ad una matrice e da questa matrice poi generare nuovamente una impronta su lamina in positivo, non mi pare rapidissimo come lavoro, soprattutto quanto l'immagine che si ricava deve essere di grande nitidezza; e se poi si trattase di un "campione", o di monete che tipologicamente non sono mai entrate in circolazione, sarebbe da procurarsi l'originale, ed anche questo non mi pare essere la cosa più semplice.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cembruno5500
Supporter

tutti d'accordo che ricavare impronte in piombo da una moneta è un gioco da ragazzi, bene ... e come si fa ?

La moneta è in positivo e l' impronta è in positivo, quindi dalla moneta bisogna passare ad una matrice e da questa matrice poi generare nuovamente una impronta su lamina in positivo, non mi pare rapidissimo come lavoro, soprattutto quanto l'immagine che si ricava deve essere di grande nitidezza; e se poi si trattasse di un "campione", o di monete che tipologicamente non sono mai entrate in circolazione, sarebbe da procurarsi l'originale, ed anche questo non mi pare essere la cosa più semplice.

mi facevo la stessa domanda, non mi sembra tanto semplice, anzi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guest utente3487

Non è nemmeno la fine del mondo, questo è certo. Comunque rimango dell'idea che si tratti di pezzi prodotti in zecca, le classiche impronte in piombo per gli archivi e che poi finiscono per uscire fuori.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Alberto Varesi

Non è nemmeno la fine del mondo, questo è certo. Comunque rimango dell'idea che si tratti di pezzi prodotti in zecca, le classiche impronte in piombo per gli archivi e che poi finiscono per uscire fuori.

Credo anche io che siano state prodotte in zecca.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guest utente3487

Non è nemmeno la fine del mondo, questo è certo. Comunque rimango dell'idea che si tratti di pezzi prodotti in zecca, le classiche impronte in piombo per gli archivi e che poi finiscono per uscire fuori.

Credo anche io che siano state prodotte in zecca.

Però non tutte....recentemente per studio ho acquistato un pezzo in piombo del governo provvisorio di lombardia che grida vendetta...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×