Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
dabbene

LE MONETE NEI MUSEI

Risposte migliori

dabbene
Supporter

Ho sempre pensato che è bello vedere esposte delle belle monete nei nostri musei ,un conto è vederle su una pubblicazione ,un conto è vederle dal vivo ,anche se poi non le puoi prendere in mano e girarle ; credo che che le esposizioni nei musei oltre a gratificare il visitatore possano essere di stimolo e incentivo per chi appassionato alla numismatica non lo è.

In Italia c'è qualche realtà museale rappresentativa ,qualche realtà di tipo locale ottima ,anche in regioni che uno non penserebbe mai ,eppure in molte città italiane italiane importanti o importantissime da questo punto di vista siamo ancora all'anno zero o quasi .

Mi direte subito ,ormai il futuro oltre alle classiche pubblicazioni cartacee punta a metterle on -line ,tipo Medagliere di Firenze ,dove uno seduto comodamente a casa può vederle tranquillamente sul proprio computer ,verissimo ,è probabile che il futuro sia questo ,però ...però ,quando le vedi dal vivo per me è sempre un'altra cosa.

Quello che a volte non riesco a capire ,e mi piacerebbe esplorarlo con voi qui sul forum ,quali siano i veri problemi ostativi affinchè non si realizzi , e faccio il caso di Milano con attualmente un'esposizione di sole 20-30 monete classiche al Nuovo Museo Archeologico e poi basta ,un qualcosa di permanente o anche solo temporaneo della storia numismatica della realtà locale o di altri ambiti.

Sarebbe interessante anche sentire l'opinione di chi vive queste realtà da dentro ,perchè da fuori non sempre si riesce a cogliere tutto : problemi di spazi di solito non ci sono ,monete ce ne sono talmente tante ,forse troppe ,penso alla mancanza di personale esperto ,però nel contempo penso al Museo di Ozieri nel sassarese che in due -tre persone ogni giorno cataloga una moneta al giorno e ogni anno espone 360 monete ruotandole ogni anno ,allora penso alla mancanza di risorse economiche ,nel contempo se fosse questo il solo problema ,quanti istituti bancari ,ma anche aziende del teritorio sarebbero disposte a sponsorizzare un qualche evento legato alla storia e alla moneta del luogo ,sono sicuro che ci sarebbero se i progetti fossero validi ,rimane come ultima una strategia diversa di esposizioni che avvantaggiano i pezzi puramente archelogici per relegare il reperto moneta come secondario e non di grande interesse al grande pubblico ,forse potrebbe essere anche così .

Penso che questo sia un argomento mai abbastanza dibattutto e che ogni tanto bisogna riaffrontare .

Modificato da dabbene

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dizzeta

Quello che dici è verissimo ma ti voglio raccontare quello che mi è capitato a Milano:

ho telefonato al Civico Medagliere (Castello Sforzesco) per prendere appuntamento perchè mi interessava vedere la lora raccolta di monete Genovesi, ebbene sono rimasto allibito quando sul tavolo mi hanno messo i vassoi: le potevo guardare, rigirsare, toccare, spremere, fotografare ... incredibile!

Mi hanno anche proposto di imprestarmi uno stativo per fotografarle meglio, ma sinceramente mi sembrava di disturbare troppo e ho fotografato al volo (per cui sono venute mezze mosse).

Una soddisfazione sorprendente ... adesso che lo so ci ritornerò.

Ah, se tutti i musei fossero così!

Saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

scacchi

approfittando della giornata di studi tenuta ad ancona presso il museo archeologico delle marche qualche tempo fa

ho avuto l'occasione di vedere questa moneta greca attribuita alla citta

in totale forse erano esposte 10 monete :blink: ma sono rimasto comunque soddisfatto di poterla vedere anche se solo da un lato :(

sarebbe il momento di unire le forze e proporre qualcosa di concreto

post-11993-0-40905900-1307637044_thumb.j

Modificato da scacchi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Liutprand

Quello che dici è verissimo ma ti voglio raccontare quello che mi è capitato a Milano:

ho telefonato al Civico Medagliere (Castello Sforzesco) per prendere appuntamento perchè mi interessava vedere la lora raccolta di monete Genovesi, ebbene sono rimasto allibito quando sul tavolo mi hanno messo i vassoi: le potevo guardare, rigirsare, toccare, spremere, fotografare ... incredibile!

Mi hanno anche proposto di imprestarmi uno stativo per fotografarle meglio, ma sinceramente mi sembrava di disturbare troppo e ho fotografato al volo (per cui sono venute mezze mosse).

Una soddisfazione sorprendente ... adesso che lo so ci ritornerò.

Ah, se tutti i musei fossero così!

Saluti

Così rara la tua esperienza che sembra...una bella favola e invece potrebbe e dovrebbe essere realtà in tutti i musei!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa
Supporter

Quello che dici è verissimo ma ti voglio raccontare quello che mi è capitato a Milano:

ho telefonato al Civico Medagliere (Castello Sforzesco) per prendere appuntamento perchè mi interessava vedere la lora raccolta di monete Genovesi, ebbene sono rimasto allibito quando sul tavolo mi hanno messo i vassoi: le potevo guardare, rigirsare, toccare, spremere, fotografare ... incredibile!

Mi hanno anche proposto di imprestarmi uno stativo per fotografarle meglio, ma sinceramente mi sembrava di disturbare troppo e ho fotografato al volo (per cui sono venute mezze mosse).

Una soddisfazione sorprendente ... adesso che lo so ci ritornerò.

Ah, se tutti i musei fossero così!

Saluti

Perche' incredibile.. :)

in fond tutti i musei "dovrebbero" essere cosi..

all'estero lo sono già (LOndra, Parigi, Berlino, etc.)

E' qui da noi che è piuttosto l'eccezione purtroppo

A Milano, alle Civiche Raccolte c'è il Dr. Martini, persona squisita e preparatissima, è grazie a lui che questo trattamento di favore

(in Italia) è possibile... ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guest utente3487

Quello che dici è verissimo ma ti voglio raccontare quello che mi è capitato a Milano:

ho telefonato al Civico Medagliere (Castello Sforzesco) per prendere appuntamento perchè mi interessava vedere la lora raccolta di monete Genovesi, ebbene sono rimasto allibito quando sul tavolo mi hanno messo i vassoi: le potevo guardare, rigirsare, toccare, spremere, fotografare ... incredibile!

Mi hanno anche proposto di imprestarmi uno stativo per fotografarle meglio, ma sinceramente mi sembrava di disturbare troppo e ho fotografato al volo (per cui sono venute mezze mosse).

Una soddisfazione sorprendente ... adesso che lo so ci ritornerò.

Ah, se tutti i musei fossero così!

Saluti

Il costo è stato elevato?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dabbene
Supporter

Sono contento di quello che dici Dizzeta ,e non è un aspetto di poco conto ,diciamo che lo studioso in questo caso rimane appagato ,però il mio riscontro era rivolto più che altro al caso del semplice visitatore che la domenica vuole portare il ragazzino e vorrebbe vedere qualche moneta esposta al museo ,senza appuntamento e senza scopi specifici , e qui casca l'asino .....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dizzeta

Il costo è stato elevato?

Ma che dici, assolutamente nulla ... (neanche il prezzo dell'ingresso al Castello perchè avevo l'appuntamento col Dr. Martini).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

magdi

A parte il fatto che non sempre si può contare sempre e solo sulle banche locali (che comunque, spesso non bastano) ... e poi si sa... seppure la cultura non ha un ritorno economico (con i biglietti del museo non riesci a pagare neanche chi ci lavora), almeno deve avere un riscontro sull' economia della città che lo ospita (ad esempio, Milano non ripaga economicamente la mostra X con i biglietti di ingresso, e non è neanche un obiettivo che si pone, ma, se la mostra è importante e di interesse, i turisti invaderanno la città, ne guadagneranno le attività cittadine come alberghi, ristoranti, bar...)... la domanda che occorre porsi, forse è, "vale la pena spendere in una mostra numismatica per ottenerne un ritorno in turismo e lustro cittadino?" io penso che sarebbe più opportuno, per una realtà medio-grande, spendere in mostre di più vasto interesse... abbigliamento, moda.... secondo me questo è il motivo sostanziale per cui molte città, anche importanti, non hanno un museo numismatico

saluti, MAgdi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

magdi

Quello che dici è verissimo ma ti voglio raccontare quello che mi è capitato a Milano:

ho telefonato al Civico Medagliere (Castello Sforzesco) per prendere appuntamento perchè mi interessava vedere la lora raccolta di monete Genovesi, ebbene sono rimasto allibito quando sul tavolo mi hanno messo i vassoi: le potevo guardare, rigirsare, toccare, spremere, fotografare ... incredibile!

Mi hanno anche proposto di imprestarmi uno stativo per fotografarle meglio, ma sinceramente mi sembrava di disturbare troppo e ho fotografato al volo (per cui sono venute mezze mosse).

Una soddisfazione sorprendente ... adesso che lo so ci ritornerò.

Ah, se tutti i musei fossero così!

Saluti

Così rara la tua esperienza che sembra...una bella favola e invece potrebbe e dovrebbe essere realtà in tutti i musei!

in alcuni musei, le monete migliori sono chiuse nelle casseforti ed è impossibile vederle senza documentazione... questi sono gli enti più inutili al mondo... sono soldi nostri buttati via!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

Oggi il motore di molte iniziative importanti nel settore numismatico sono gli istituti bancari ,monete e banche sono un binomio logico a volte quasi inevitabile ,ricordo quella splendida mostra delle oselle della Banca Pop.di Vicenza ,l'interesse della Carige ,la Cariplo che acquistò l'intera Coll.Verri ,anche se poi non è fruibile al pubblico ,ma almeno fu pubblicata ed è on-line ,vedo il binomio di grandi aziende che sponsorizzano e vogliono contribuire a tenere mantenute opere come il Colosseo ,la Scala di Milano ,Venezia ,Pompei ,l'azienda scopre e capisce che è giusto investire nell'arte e nella cultura di casa sua ,il ritorno di immagine anche per il paese e per chi è legato al made in Italy sarà notevole ,ben vengano queste iniziative e questa tendenza .

Abbiamo parlato di Milano ,ricordo il tuttora famoso e attale Convegno Internazionale del 1983 sulla Zecca di Milano ,me ne hanno parlato ,ho letto gli atti ,fu un successo con l'organizzazione del Comune di Milano ,le Civiche Raccolte Numismatiche di Milano ,la S.N.I.,e con sponsor la Cariplo ; a questo furono collegate delle mostre temporanee di medaglie e monete allestite nel Museo di Milano e al Museo Archeologico ,sarebbe bello che a distanza di quasi trent'anni ,in prospettiva di un evento internazionale come EXPO 2015 dove Milano accoglierà visitatori da tutte le parti del mondo ,che all'inevitabile offerta culturale che la città offrirà ,ci sia anche un qualcosa che ricordi Milano con la sua storia economica e la sua identità numismatica.

Utopia ? Forse ,l'importante è parlarne ,a volte è giusto avere il coraggio di lanciare il sasso nel fiume ....e poi ...vedremo ,nulla è impossibile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa
Supporter

Caro Dabbene,

come sempre sei ottima fonte di ispirazione.

Bene hai fatto a ricordare il convevegno per la monetazione di MIlano del 1983 che, oltre ai contenuti scientifici degli atti e all'iniziativa

il suo valore venne proprio anche dall'insieme di enti di cui vide la partecipazione . Riuscire a mettere insieme Comune, Associazioni e una banca come sponsor non è un risultato da poco.

Proporre qualcosa su queste linee oggi a mio avviso sarebbe sicuramente auspicabile. Innanzitutto non vi sono state iniziative di questo taglio e profondità negli ultimi dieci anni. Vi sono stati e vi sono diverse giornate di studio (Milano, Ancona, lo scorso anno quelle sul centenario del CNI sia a Roma che mIlano, etc. etc.) ma sono iniziative più circoscritte e soprattutto non hanno coinvolto diversi soggetti come quelloo del 1983.

Si potrebbe pensare, oggi con il grande ausilio del web e nuovi strumenti di comunicazione, marketing e naturalmente indagine culturale, ad organizzare qualcosa che veda di nuovo collaborazione tra pubblco e privato , valorizzando collezioni , ad esempio, non sempre accessibili e fruibili dal pubblico.

Perche ad esempio non pensare a qualcosa che valorizzi la storiografia di una grande collezione pubblica con interventi che ne ripercorrano la storia , un'esposizione che ne metta in risalto la ricchezza e l'importanza, e relazioni mirate che illustrino i meriti di tali raccolte.

Sto pensando ad esempio alle raccolte fiorentine, il cui nucleo originario data con i Medici, sia quelle di monetazione classico presso l'Archeologico, sia le monete medioevali e moderne e soprattutto le medaglie (una delle princiapali raccolte al mondo per qualità) confluite presso il Bargello.

La storia, l'illustrazione (attraverso selezioni accurate) e la ricerca filologica su queste collezioni meritano anche ben più di una gioranta di studi..

Un'altra collezione meritevolissima di evdienza ma caduta purtroppo nell'oblio e quella Papadopoli a Venezia.

Di idee ce ne sarebbero moltissime, naturalmente occorre vedere la disponibilità della parte pubblica e quella di privati il cui sostegno sarebbe fondamentale per poter impostare un'operazione del genere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

417sonia
Supporter

Buona serata a tutti

Come non darvi ragione? E' l'annoso problema di cui l'Italia soffre.....troppi beni, troppe cose belle da mostrare (e gestire), troppi soldi per valorizzarle (e proteggerle) e non ultime, tra tutte queste belle e troppe cose, ci sono anche le monete.

Ho visitato tanti paesi e mi sono sempre premurato di visitare i musei che mi ispiravano di più......quelli con le monete esposte :P e devo divi che la qualità di esposizione che ho trovato è sempre stata eccezionale; per assurdo, in alcuni casi, ho creduto che valessero più l'impianto luci, le vetrine, le bacheche ed i tabelloni con le spiegazioni, che le monete esposte.......

Data la mia passione, ho girato in lungo ed in largo tutta la Dalmazia e credetemi se vi dico che su isole, abitate da qualche centinaia di persone (solo d'estate), c'è il piccolo museo ed in questo non manca mai qualche decina di monete veneziane, anche comunissime, ma esposte con un'enfasi ed una perizia da lasciare a bocca aperta.

Nell'isola di Cherso (Cres) c'è un monastero di frati francescani (se non ricordo male) e in questo c'è una collezione di monete allucinante. Allucinante perchè spazia dalle monete attuali di mezzo mondo alle medioevali, alle classiche.....una macedonia di monete e banconote a dir poco strabiliante.

Eppure sono tutte nelle loro vetrinette, con tanto di indicazioni.....di Venezia ne hanno parecchie ed anche di belle....hanno anche una bolla d'argento che non è propriamente comune.....legata ad una concessione di pesca.

Questa è la nostra contraddizione, ma è bello sapere che nonostante tutti i problemi di strutture, soldi che mancano ecc. ecc. ci sono anche casi di eccellenza, dove l'amministrazione pubblica svolge bene il proprio lavoro.

Saluti

Luciano

Modificato da 417sonia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×